Se avete deciso di concedervi due o più giorni di vacanza, approfittando delle feste di Pasqua e dei ponti, potrete raggiungere la vostra meta a ridotto impatto ambientale e risparmiando fino al 75% sui pedaggi autostradali e il carburante grazie al carpooling. Offrire o accettare un passaggio, condividendo l’auto, è sicuramente un buon modo per viaggiare a basso costo, inquinare meno e conoscere nuove persone, vincendo la noia di lunghi tragitti solitari. Senza contare che se tutte le auto viaggiassero piene, il traffico sarebbe ridotto, con rischi minori di code, maxi tamponamenti e incidenti stradali.

Complice la crisi e i prezzi sempre più esosi della benzina e dei biglietti aerei e ferroviari, e non ultimo una coscienza ecologica che si va diffondendo, aumenta il numero di persone che si sposta grazie al ridesharing. Secondo i dati diffusi in un comunicato dal sito di carpooling BlaBlaCar.it, i passaggi offerti sulla piattaforma sono aumentati di ben il 310% rispetto al 2013, tanto che a pochi giorni da Pasqua e dai ponti primaverili il 40% delle auto condivise dagli utenti registrati nella community è già pieno.

I più richiesti sono i passaggi verso Sud, tanti sono infatti i meridionali che lavorano o studiano nel Centro e nel Nord Italia e approfitteranno delle feste di Pasqua e dei ponti primaverili per ricongiungersi con amici e parenti. Secondo il sito di ridesharing, la tratta Roma-Puglia è una delle più gettonate, tanto che nella giornata di venerdì 18 aprile è in programma una partenza ogni 7 minuti. Battuta persino la frequenza dei treni in questo caso che hanno corse “solo” ogni 2 ore.

Tra le regioni più gettonate per questo primo assaggio di vacanze al caldo ci sono la Campania e la Puglia, e le tratte più ricercate sul sito BlaBlaCar.it sono Roma-Bari, Milano-Roma, Milano-Bari, Milano-Napoli. Per alcune tra le tratte più battute, la frequenza delle partenze in occasione dell’inizio dei ponti è altissima.

Secondo le previsioni dei gestori della piattaforma, per Pasqua ben l’85% dei posti auto condivisi su tratte superiori ai 100 km verrà occupato.

18 aprile 2014
Lascia un commento