Il prezzo della benzina è ormai un serio problema per gli automobilisti italiani. La soglia simbolo dei due euro è stata raggiunta in molti punti di rifornimento sul territorio nazionale e il caro carburante impone a chi possiede un’auto limitazioni all’uso o consistenti esborsi economici. Una soluzione per non rinunciare all’impiego della propria vettura e resistere ai continui aumenti potrebbe essere il Carpooling.

La benzina ha ormai costi che risultano proibitivi per molte tasche, specialmente per chi è costretto a lunghi tratti a bordo della propria vettura. Esiste però la possibilità, soprattutto in previsione delle imminenti festività pasquali, di vedere questo “scotto” da pagare ridursi anche ad un quarto del prezzo al distributore: la condivisione dei posti auto liberi. Un fenomeno che ha già preso piede in Francia e Germania e che si avvia a diventare d’uso comune anche in Spagna e Italia.

Attraverso il sito internet PostoInAuto.it è possibile effettuare viaggi condividendo la propria o l’altrui vettura semplicemente iscrivendosi al gruppo e orientandosi attraverso gli annunci pubblicati o inserendone uno proprio. Per coloro che vorranno “affittare” i propri posti auto liberi sarà necessario iscriversi ad un’apposita lista, specificando il proprio tragitto, ad esempio Milano-Roma, e fornendo alcuni dati personali, targa del veicolo e documento d’identità compresi, utili a garantire la sicurezza dei partecipanti. Identificazione richiesta anche per i semplici passeggeri, al fine di garantire la tranquillità di tutti gli aderenti.

Combattere il caro benzina con la condivisione posti in auto garantirebbe un bel risparmio in termini economici e di riduzione della CO2. Importante anche il confronto con i treni veloci come il Frecciarossa di Trenitalia, con un numero di condivisioni già significativo:

16mila posti condivisi nelle ultime quattro settimane, pari a ventotto treni Frecciarossa pieni fino all’ultimo posto.

Differente il discorso per quanto riguarda i tempi di arrivo, per i quali esprimono maggiore cautela:

A differenza delle ferrovie noi non puntiamo all’alta velocità, che nel caso dei viaggi in auto non sarebbe di certo un aspetto positivo, ma al prezzo concorrenziale, anche per chi decide all’ultimo minuto.


L’altro punto che Olivier Bremer, co-fondatore di postoinauto.it sottolinea è la possibilità di conoscere nuovi e interessanti compagni di viaggio, con cui magari trascorrere un divertente viaggio fuori porta per la giornata di Pasqua o Pasquetta:

Soprattutto offriamo la possibilità di viaggiare in compagnia: il viaggiare insieme in uno spazio ristretto come quello di un’automobile è la modalità di trasporto più sociale in assoluto, in quanto incentiva i partecipanti a interagire tra loro, e non è così raro che i contatti proseguano anche dopo la conclusione del viaggio.

3 aprile 2012
Lascia un commento