Carnevale: è giunto il momento di divertirsi a creare maschere e abiti con le proprie mani. Un modo economico per realizzare qualcosa di davvero unico, personale e che rispecchi le proprie passioni. In particolare, se il materiale utilizzato per creare i costumi strizza l’occhio al riciclo e al rispetto dell’ambiente. Armatevi di colori, cartoncino, stoffe di recupero, piatti di plastica, gomitoli di lana, colla e forbici per creazioni uniche e piene di fantasia.

Metter in pratica le predisposizioni personali è da sempre la mossa vincente, quindi per chi ama sferruzzare l’ideale è quello di creare un abitino di Carnevale interamente fatto a maglia. Per un bambino piccolo una tutina in stile Robin Hood, oppure il classico vestito da pecorella, ape o cagnolino potranno risolvere ogni problema. Con la lana poi si possono confezionare capelli e parrucche originali, in particolare se ci si vuole vestire da Pippi Calzelunghe o da bambola.

Per un abito culinario, come ad esempio un uovo o un piatto di pasta, l’ideale è quello di creare la sagoma in doppia copia nel cartoncino colorato bianco. Il tuorlo lo si può ricavare incollando un piatto di plastica gialla, quindi unire le due sagome con una doppia fettuccia di stoffa ottenendo una struttura a bretella. Una paletta da cucina completerà il tutto. Se invece preferite un vero piatto di portata potete disegnare nel cartoncino la sagoma del piatto, quindi incollarvi la lana gialla per gli spaghetti e quella rossa per il sugo.

Con una scatola di cartone si può realizzare un abito ispirato ai mattoncini Lego: incollate sulla scatola 6 vaschette di plastica per la ricotta e dipingete tutto con due mani di rosso tempera (o di un altro colore). Ritagliate i fori per la testa e le braccia, quindi fate indossare al vostro piccolo una tuta, o un completo in tinta con la scatola. Per il cappello potete creare un mattoncino singolo con una scatola da scarpe e una vaschetta di plastica.

Se la fantasia non vi manca potete realizzare, con cartoncino e stoffa di recupero, abiti e costumi ispirati a tutti i personaggi preferiti dai vostri bimbi. Oppure con una serie di palloncini lilla, fissati a una veste di pannolenci viola, creare un mini abito che rappresenti un grappolo d’uva. Tulle e pannolenci per sagomare un abito ispirato ai Barbapapà, oppure il più classico fantasma tutto bianco o una deliziosa ballerina tutta rosa. Gli abiti si possono completare indossando leggings, calzemaglie, pantaloni della tuta in tinta, cappelli, guanti e sciarpe colorate, ricoprendo poi le scarpe con una sagoma di pannolenci tagliata in misura.

Con i trucchi potete ricreare le smorfie e le espressioni di personaggi o animali amati dai vostri piccoli, preferendo sempre un make up atossico e per pelli sensibili, possibilmente Cruelty Free per rispetto agli animali. Oppure la più classica delle mascherine, realizzabile con cartoncino colorato e fissata con un elastico morbido, da colorare con i pennarelli e i pastelli. Utilizzate ciò che avete a portata di mano: un cerchietto può diventare una coroncina, un paraorecchie un supporto per orecchie pelose o spaziali, una bandana un copricapo per pirati, un paio di pantaloni larghi un abito da clown e un vecchio tessuto nel più magico dei mantelli. Pronti per la sfilata con lancio di coriandoli e stelle filanti, prima di festeggiare a suon di chiacchiere e bontà.

19 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento