Un traffico illecito di specie animali tra Cina e Laos, con la vendita di carne di tigre, artigli di orso e pangolini. È quanto rivelerebbe un report dell’Environmental Investigation Agency (EIA), nell’illustrare come la zona nord-orientale del Laos sia diventata meta di acquirenti cinesi, per lo scambio di parti o prodotti animali vietati.

Un’area di commercio “senza legge” nella zona economica speciale tra i confini di Laos, Myanmar e Thailandia, nel mezzo della provincia del Bokeo. Secondo quanto rivelato, in questo triangolo i consumatori potrebbero “comprare apertamente prodotti di specie a rischio d’estinzione”, già protetti dalle normative internazionali. Il tutto apparentemente a favore degli acquirenti cinesi, a cui le attività di commercio si rivolgerebbero esplicitamente: la Cina, infatti, è uno dei principali importatori di derivati da specie in pericolo, sia per la medicina tradizionale che per il commercio di gioielli e soprammobili di lusso.

Secondo quanto sostenuto dall’EIA, l’area in questione sarebbe a tutti gli effetti un’estensione cinese, poiché sarebbe organizzata sul fuso orario di Pechino, tra lavoratori immigrati, cartelli e lingua completamente cinesi. Qualche tempo fa, aree di traffico in direzione del colosso asiatico sarebbero state scoperte in Myanmar: alcune cittadine di confine si sarebbero rapidamente trasformate in mercati aperti, e poco monitorati, per lo scambio di parti di animali rari, nonché come mete turistiche sessuali e per il gioco d’azzardo. Sebbene le autorità di alcuni paesi limitrofi, come il Vietnam e la Thailandia, eseguano ciclicamente dei controlli per intercettare i traffici illeciti di animali, ancora molti sarebbero i canali di trasbordo sul territorio cinese. Di recente, è emerso come sempre la Cina sia la nazione dalla più alta domanda di avorio al mondo, tanto che proprio verso gli scambi del colosso asiatico si concentrerebbero le attività dei bracconieri e della criminalità organizzata in Africa. Le stime parlano di ben 100.000 esemplari vittime dei desideri di lusso degli acquirenti asiatici.

23 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento