Carne rossa: ben cotta aumenta rischio di malattie del fegato

Mangiare carne rossa, specialmente se è ben cotta, può aumentare il rischio di sviluppare malattie del fegato, che possono rivelarsi anche fatali. A suggerirlo è uno studio condotto in Israele, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Hepatology.

I ricercatori dell’Università di Haifa hanno scoperto un rischio di steatosi epatica molto più alto per gli individui che amano mangiare la carne rossa ben cotta. La steatosi epatica è molto pericolosa, perché può portare alla cirrosi, la quale può essere anche la causa dello sviluppo di un tumore al fegato. Lo studio degli scienziati israeliani ha anche confermato che mangiare carne rossa può portare ad un rischio più elevato di diabete.

=> Scopri perché ridurre consumo di carne rossa abbatte rischio tumore al colon

Gli studiosi hanno tenuto conto delle abitudini alimentari di più di 700 individui. Li hanno sottoposti a scansioni ecografiche del fegato e a test di resistenza all’insulina. Hanno così riscontrato che le persone che mangiavano carne rossa più cotta avevano il 47% in più di probabilità di avere una malattia al fegato. Inoltre proprio questi individui avevano il 50% in più di rischio di essere insulino-resistenti.

=> Leggi perché è meglio non mangiare troppa carne rossa e come sceglierla

Già precedentemente erano noti gli effetti negativi che il consumare eccessivamente carne rossa può avere sulla salute. Adesso questo nuovo studio mette in luce un altro aspetto da non sottovalutare. La principale autrice dello studio, Shira Zelber-Sagi, ha dichiarato:

Al fine di prevenire la resistenza all’insulina e le malattie del fegato, le persone dovrebbero considerare maggiormente la scelta di pesce, tacchino o pollo come fonti di proteine animali. Inoltre cuocere al vapore o bollire il cibo è meglio rispetto alla cottura alla griglia o a friggere la carne ad alta temperatura.

Gli scienziati israeliani hanno chiarito che cuocere troppo la carne rossa può portare allo sviluppo di sostanze che sono legate all’insorgenza delle malattie del fegato e alla resistenza all’insulina. Secondo gli esperti, per questo motivo sarebbe ragionevole limitare la carne rossa ad una volta alla settimana e consumare quella lavorata soltanto occasionalmente.

16 aprile 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento