Maxi sequestro di carne e pesce scaduti a Bari. I Carabinieri dei NAS (Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma) hanno sequestrato 100 chilogrammi di prodotti la cui data di scadenza risultava ormai superata o la cui conservazione non avveniva secondo le correnti normative, per un valore stimato in circa 50 mila euro.

=> Mozzarelle di bufala contraffatte sequestrate a Caserta, leggi di più

Il maxi sequestro di carne e pesce scaduti è avvenuto a Casamassima, località della Provincia barese, ed ha visto coinvolta un’imprenditrice cinese poi denunciata dagli agenti. Durante i controlli dei NAS è stato accertato come molti dei prodotti in vendita fossero privi dei requisiti di sicurezza obbligatori previsti dalla legislazione italiana e comunitaria per la vendita al dettaglio.

La vendita dei prodotti ittici, sia freschi che surgelati, nonché di tagli di carne avveniva mediante l’utilizzo di contenitori non idonei, perlopiù “improvvisati”. Riscontrate anche cattive condizioni igieniche, sempre in relazione alla conservazione dei suddetti alimenti.

Gli alimenti sono stati sequestrati dagli agenti dei NAS, evitando così che potessero essere venduti (sia al dettaglio che all’ingrosso). Per la titolare del negozio una denuncia a piede libero e sansioni amministrative per un totale di circa 3 mila euro.

15 febbraio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento