Anche per cani e gatti spopola la mania del crudismo: carne e altri cibi del tutto non cotti, forniti dai proprietari poiché convinti che questo tipo di alimentazione si avvicini maggiormente all’indole naturale dell’animale. Ma dalla FDA – la Food And Drug Administration negli Stati Uniti – avvertono: si tratta di una pratica pericolosa, sia per gli amici a quattro zampe che per gli umani.

Anche cani e gatti possono intossicarsi dall’ingestione di carne non cotta, poiché ricca di batteri che con alte temperature vengono eliminati. Così aumenta in modo incontrollabile il rischio di salmonella e listeria, due patologie rischiose non solo per l’animale domestico ma anche per i suoi proprietari. E alla FDA non resta che tentare di convincere, spesso invano, proprio i proprietari a non lasciarsi trasportare da bufale e altre strampalate teorie, oggi particolarmente in voga sui social network.

La carne di maiale è il cibo crudo più frequentemente consegnato a cani e gatti. Così come William Burkholder – Veterinary Medical Officer per la FDA – sottolinea, questo regime alimentare nasce da una singolare corrente animalista, convinta che i cibi crudi siano perfetti poiché Fido e Fufy, qualora fossero in libertà, andrebbero a caccia di piccole prede o selvaggina. Pur essendo vera la natura crudista degli esemplari liberi, è altrettanto vero come non sia dato sapere quanti si ammalano proprio per aver ingerito carne contaminata. E, inoltre, essendo lontani dall’uomo questi cani e gatti non costituiscono veicolo di contagio. Così non è fra le mura domestiche.

La carne che si consuma normalmente nelle abitazioni non proviene ovviamente da animali uccisi da pochi minuti, ma passa attraverso diversi stadi di conservazione. Degli stadi che, se non perfettamente eseguiti, stimolano la proliferazione di batteri anche gravemente dannosi per la salute. È per questo che si procede sempre alla cottura, poiché le altissime temperature portano alla sterilizzazione, con l’uccisione di tutti i microrganismi nocivi. Non è però tutto poiché, oltre alla possibilità di ammalarsi di salmonella e altre gravi patologie, cani e gatti possono essere anche dei semplici veicoli di contagio: da come la carne viene maneggiata, a graffi e piccoli morsi, il pericolo per i proprietari non dovrebbe mai essere sottostimato. Le conseguenze non son di certo di poco conto: da vomito e diarrea, passando per febbre elevatissima, fino ad arrivare a irrimediabili disturbi neurologici. In altre parole, è sempre meglio non fidarsi delle teorie virali sui social network – anche quando particolarmente affascinanti – per affidarsi invece all’esperienza dei consigli del veterinario.

8 luglio 2014
Fonte:
I vostri commenti
Iosefina Claudia , lunedì 12 settembre 2016 alle4:21 ha scritto: rispondi »

È vero, io stupidamente mi sono fidata, dopo 2 mesi di dieta crudista ho mandato in dissenteria la mia piccola. L'ho fatta soffrire volendo farle del bene. Nessuno dice di tornare al cibo industriale, basta cucinare quello che prima si dava crudo.

Lucy, domenica 28 agosto 2016 alle16:14 ha scritto: rispondi »

la realtà è che quella carne non dovrebbe essere stata contaminata da salmonella. Quindi ancora una volta la stupidità e l incompetenza umana che imperversa. È ancora aggiungo per chi non lo sapesse, che la dieta a crudo non è una corrente virale di Facebook ma quello che in realtà i gatti farebbero in natura: mangerebbero uccellini topolini e lucertole... Qualcuno pensa che questi andrebbero cotti????

nicola scioli, mercoledì 9 luglio 2014 alle21:28 ha scritto: rispondi »

chiaramente le multinazionali dei cibi per animali cominciano a preoccuparsi.........non c'è niente di strano ne di nuovo sotto il nostro sole(sigh). Perchè non chiediamo a questi signori a chi rispondono per la preparazione dei cibi per animali? Daltronde basta dare uno sguardo agli Statunitensi per rendersi conto del rispetto che si ha dei consumatori.....non siete più credibili!

roberto, mercoledì 9 luglio 2014 alle20:07 ha scritto: rispondi »

Se ami veramente il tuo animale domestico non utilizzare anti-parassitari chimici oltretutto testati su altri animali. Oggi in modo completamente naturale ed innoquo per le persone puoi tenere distante dal tuo amico peloso tutti i parassiti, quali: zecche, pulci e zanzare indipendentemente dalla sua salute (convalescenza, gravidanza, allattamento ecc.). E' efficace al 96,97% e sicuro al 100% su gli animali domestici, nella tua famiglia e nel tuo ambiente, ma la cosa straordinaria è che la sua durata è di 4 anni, oltre che essere economico con un risparmio fino a 20 volte l'importo speso per altri prodotti in un periodo di 4 anni. Per approfondire meglio e fare il tuo acquisto vai al sito: e digita la lingua di tuo gradimento. Salvaquarda la salute del tuo animale con il disco Pet Protector non invasivo, è l'unica soluzione anti-parassitaria oggi sul mercato Mondiale vai qui: Mi raccomando fai girare e fai conoscere questa straordinaria opportunità agli amici.

Roby, mercoledì 9 luglio 2014 alle19:46 ha scritto: rispondi »

IDIOTI COME SEMPRE!!!!

Lascia un commento