Carlini più soggetti a problemi di deambulazione: lo studio

Quella del Carlino è certamente una delle razze di cane più apprezzata, complice anche l’interesse scatenato dai social network negli ultimi anni. Sempre più famiglie decidono di adottarne un esemplare, infatti, poiché di poco ingombro e dall’irresistibile muso schiacciato. Eppure questi quadrupedi risultano decisamente delicati sul fronte della salute, non solo per la configurazione delle loro vie aeree e le conseguenti difficoltà respiratorie, ma anche e soprattutto per frequenti problemi di deambulazione. È quanto svela un nuovo studio, condotto in Svezia.

Secondo la ricerca in questione, pubblicata su Vet Records, un carlino su tre soffrirebbe di problemi vari negli spostamenti e nella camminata. In ambito veterinario, è nota da diverso tempo la tendenza di questi cani a sviluppare, in età adulta e in prossimità della vecchiaia, delle difficoltà varie legate all’andatura. I ricercatori hanno quindi indagato quanto fosse frequente il disturbo, analizzando le condizioni di salute di 550 esemplari regolarmente registrati all’interno dello Swedish Kennel Club.

=> Scopri la razza del Carlino


La condizione dei cani è stata rilevata sia dall’osservazione diretta che tramite dei questionari sottoposti ai proprietari. In particolare, gli studiosi hanno vagliato dei sintomi specifici per i problemi di deambulazione, non sempre immediatamente rilevabili dai non addetti ai lavori, come la svogliatezza, l’impossibilità di compiere piccoli salti, la poca disponibilità alla passeggiata e graffi e morsi a livello delle zampe. In caso di dolore, infatti, i cani tendono a mordersi le estremità nel tentativo di ridurre il dolore.

=> Scopri il Carlino dai calzini rosa


Di tutti gli animali presenti nel campione, il 30.7% ha dimostrato limitazione varie nella camminata, nonché manifestato segnali che potrebbero essere connessi a un dolore non immediatamente riconosciuto dal proprietario o dal veterinario. Allo stesso modo, è emerso come i problemi di deambulazione sembrino andare di pari passo con le difficoltà respiratorie, altro disturbo che tende a manifestarsi con più frequenza con l’avanzare dell’età. Tutti fattori da considerare con la dovuta attenzione, di conseguenza, se si vuole adottare un Carlino, affinché si possa approfittare di una diagnosi precoce e ridurre le sofferenze dell’animale, assicurando una migliore qualità della vita.

8 febbraio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento