Diminuire drasticamente il consumo di zuccheri. L’avvertimento è lanciato dagli esperti della University College London (UCL), secondo i quali il quantitativo massimo assunto ogni giorno non dovrebbe superare la quantità di quattro cucchiaini da tè.

Ridurre gli zuccheri giornalieri può sembrare però un’impresa difficile, specialmente se considerato come in media le bibite gassate contengano al loro interno l’equivalente di circa 9 cucchiaini di zucchero. Più del doppio di quanto raccomandato dagli esperti britannici. Un pericolo per la salute dei denti non soltanto dei bambini, ma anche degli adulti. Secondo quanto dichiarato da Aubrey Sheiham, professore emerito presso la UCL e tra gli autori dello studio:

La carie dentale è uno dei più diffusi problemi di salute e si ritiene che circa un terzo dei bambini britannici di 12 anni abbia carie dentali.

Mentre le aziende dolciarie e alimentari in generale difendono l’utilizzo dello zucchero all’interno di una dieta sana, Sheiham rivolge ai politici un appello affinché passino in maniera netta dalla parte dei cittadini:

Gli zuccheri aggiunti hanno trovato la loro strada in quasi tutti gli alimenti e l’uso di zucchero associato a calma, divertimento e ricompensa per i bambini è diventato normale, mentre lo zucchero dovrebbe essere un fattore occasionale.

Il Governo deve smettere di agire nell’interesse dell’industria dei cibi e delle bevande piuttosto che degli individui, agendo adesso sulla questione zuccheri.

Dietro il suggerimento di alcune associazioni è allo studio del Governo UK la possibilità di introdurre una tassa sulle bibite gassate, così da ridurre il consumo di zuccheri e migliorare lo stato di salute dei cittadini britannici. Secondo Katharine Jenner, direttore della campagna Action on Sugar, l’intervento per limitare il consumo degli zuccheri deve essere quanto più rapido possibile in quanto:

Gli zuccheri aggiunti sono del tutto inutili nelle nostre diete e sono fortemente collegati alla carie dentale così come all’obesità e al diabete di tipo 2.

18 giugno 2014
Fonte:
Lascia un commento