Carburanti: nuovi simboli da ottobre, indicheranno le componenti bio

Una nuova svolta per i carburanti, visto che a partire dal 12 ottobre saranno contrassegnati da un sistema di etichettatura diverso rispetto a quello utilizzato fino ad ora.

I nuovi simboli con i quali saranno identificati i carburanti varranno per tutta l’Unione Europea e li troveremo in tutte le stazioni di servizio. Per la benzina avremo delle etichette a forma circolare con all’interno una E, che indica i componenti bio presenti in questo tipo di carburanti.

Per il gasolio troveremo un’etichetta quadrata con all’interno B, che indica i componenti biodiesel, oppure XTL, che specifica il gasolio sintetico. Per i carburanti gassosi avremo un’etichetta a forma di rombo.

=> Leggi di più sui biocarburanti per il traffico aereo

Il nuovo sistema di etichettatura dei carburanti è adatto soprattutto per i veicoli immatricolati a partire dal 12 ottobre di quest’anno. Per quanto riguarda invece le auto immatricolate prima ci sono specifiche direttive e consigli che arrivano dall’Unione Petrolifera. La strategia migliore sarebbe quella di controllare il libretto di manutenzione, per comprendere fino in fondo il tipo di benzina e di biodiesel supportato dal veicolo.

In questo modo ci si può regolare di conseguenza, perché, per fare un esempio, l’etichetta E10 significa che il veicolo può usare benzina contenente fino al 10% di etanolo. In generale nel caso della benzina gli esperti mettono in evidenza che fino al 10% di etanolo non dovrebbe creare problemi per il veicolo stesso.

8 ottobre 2018
Lascia un commento