Caraffe filtranti: acqua a rischio secondo Ministero della Salute

Altro che migliorare la qualità dell’acqua del rubinetto. Secondo la relazione stilata dai tecnici del Ministero della Salute, le caraffe filtranti non farebbero che peggiorare le proprietà dell’acqua che arriva nelle nostre case, compromettendone addirittura, in qualche caso, “le caratteristiche di potabilità”.

La relazione tecnica è allegata all’ultimo decreto emanato dal Ministro Renato Balduzzi, dedicato proprio alle “apparecchiature per il trattamento dell’acqua destinata al consumo”. In altre parole, alle caraffe filtranti, sulla cui presunta pericolosità sono anche state aperte delle inchieste nei mesi scorsi. In virtù delle nuove norme, le brocche, così come gli impianti fissi installati sui lavelli di case e ristoranti, dovranno rispondere a nuovi e più stringenti requisiti di sicurezza.

Non solo. Gli apparecchi dovranno contenere dettagliate istruzioni d’uso e informazioni più precise per i consumatori. Proprio la corretta manutenzione delle caraffe, infatti, rischia di alterare, nel tempo, le proprietà dell’acqua di rubinetto, fino a rischiare di renderla non più potabile. In ogni caso, i consumatori dovranno essere informati del fatto che i filtri servono solo a rendere l’acqua più gradevole, ma non hanno la capacità di migliorarne le caratteristiche fisico-chimiche:

Questi apparecchi hanno l’unico scopo di modificare le proprietà organolettiche: sapore, odore, colore – si legge nella relazione tecnica allegata al decreto – Una manutenzione inadeguata potrebbe addirittura far sì che nel tempo l’acqua in uscita perda le caratteristiche di potabilità, come i corretti valori di Ph.

Basta al “far west” delle caraffe dunque. Entro un tempo massimo di 6 mesi, i produttori dovranno adeguarsi alle nuove norme, fornendo informazioni più chiare ai consumatori, sia riguardo al reale effetto dei filtri sull’acqua della fontana, sia sulle operazioni di manutenzione da effettuare per evitare di compromettere la qualità dell’acqua stessa.

27 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
roberta, venerdì 22 gennaio 2016 alle13:59 ha scritto: rispondi »

attenzione al fluoro!!! c'e' nell'acqua delrubinetto e nella maggior parte delle acque in bottiglia, leggete le etichette e scegliete l'acqua priva si fluoriti Privilegiate l'acqua in bottiglia di vetro e prima di berla caricatela un po' e ionizzarla Incredibile le sostanze nocive ..ormoni rilasciate dalla plastica alsole...tossine...ecc... che si formano e se guardate poi la data delle analisi... bah

Antonella Vasoli, domenica 7 luglio 2013 alle18:28 ha scritto: rispondi »

commento breve ...brevissimo : ci sono soluzioni e soluzioni valide , non specchietti per le allodole ..........

Rino Veggian, mercoledì 28 marzo 2012 alle12:37 ha scritto: rispondi »

C'è stato un grosso calo nella vendita di acqua confezionata nonostante l'Italia abbia il triste primato di esserne al terzo posto in Europa come consumatore. Sono convinto che se questo non fosse avvenuto nessuno si sarebbe interessato dei "possibili" pericoli dei filtri, anche perchè tutto è iniziato da quando hanno messo in commercio le brocche, più economiche rispetto agli impianti fissi nei lavelli che esistono già da molto tempo ma considerato i costi non hanno avuto un grande successo di vendita. La realtà è che in Italia tutto gira intorno al denaro e considerando il periodo che stiamo attraversando, le aziende confezionatrici che si arricchiscono con la NOSTRA ACQUA PUBBLICA hanno paura di perdere i loro introiti facendo senza ombra di dubbio pressioni e influenze su chi ci governa i quali come è noto hanno come solo scopo di interesse il denaro, temendo che nel tempo le famiglie si sveglino tornando adirittura a bere direttamente dal rubinetto come abbiamo sempre fatto prima che i media ci influenzassero negativamente per spingerci a non berla.

Talva, mercoledì 28 marzo 2012 alle9:10 ha scritto: rispondi »

Non è che sotto..sotto..a qualcuno da noia che si venda meno acqua in bottiglia? Io comunque lo sapevo già che il filtro serve solo per rendere gradevole il gusto dell'acqua. 

Lascia un commento