Car sharing elettrico a Verona entro il 2012

Entrerà in funzione nei prossimi mesi a Verona il nuovo servizio di car sharing elettrico chiamato “WeDrive”, un’iniziativa promossa dal Comune veneto con la collaborazione della società dei trasporti pubblici locali AMT per favorire la mobilità urbana eco-compatibile, diminuendo al tempo stesso il volume del traffico e cercando di abbattere le emissioni inquinanti.

Il servizio sarà attivo entro il 2012 e nel canone di noleggio delle auto elettriche sarà compresa anche l’assistenza stradale 24 ore al giorno, oltre all’assicurazione Kasko e PAI (Personal Accident Insurance), alla copertura per furto e incendio e alle spese di manutenzione e pulizia. I clienti pagheranno pertanto le tariffe legate ai chilometri percorsi o al tempo di utilizzo complessivo.

Il progetto “WeDrive” prevede che nella fase di avvio siano installati dieci stalli per le auto elettriche delle flotta, quindi cinque per ognuna delle due aree di sosta individuate all’interno del parcheggio Città di Nimes Ovest e nel parcheggio di fronte alla Fiera in Viale del Lavoro.

Secondo l’assessore alla Mobilità del Comune di Verona Enrico Corsi, il car sharing elettrico è:

Un’idea di mobilità innovativa, una scelta utile e conveniente che contribuirà a ridurre i problemi di traffico ed inquinamento. Con il car sharing saranno messi a disposizione dei veicoli elettrici, utilizzabili in qualsiasi momento anche solo per un’ora per lo spostamento in tutta la città, con accesso illimitato alle zone a traffico limitato e parcheggio gratuito all’interno degli stalli blu.

Il presidente di AMT, Germano Zanella, anch’egli intervenuto durante la presentazione del progetto, ha aggiunto:

Dopo aver cambiato completamente il parco macchine, con tutti i mezzi che oggi viaggiano a metano, AMT ha fatto questo investimento che punta a migliorare la viabilità cittadina. A breve partirà il bando di gara ed entro pochi mesi contiamo di far partire il progetto.


Le auto elettriche di “WeDrive” saranno accessibili tramite due tipi di noleggio: uno con iscrizione annuale da effettuare direttamente sul sito del progetto, mentre l’altro tramite l’acquisto di un’apposita carta ricaricabile da effettuare nei pressi dei parcheggi. Nel primo caso le tariffe saranno di 5 euro l’ora (per un massimo di 15 km), 30 euro al giorno (massimo 100 km) o 70 centesimi di euro al chilometro. Per chi sceglierà la carta ricaricabile le tariffe saranno invece di 7,5 euro l’ora (massimo 15 km), 45 euro al giorno (massimo 100 km) o 1,4 euro al chilometro. Sarà disponibile inoltre un call center dedicato attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle 20.

21 marzo 2012
Fonte:
I vostri commenti
Luciano Butti, sabato 14 dicembre 2013 alle6:39 ha scritto: rispondi »

Interessante articolo, ma l'Assessore al Traffico e il Presidente AMT vi hanno raccontato delle vere e proprie "balle". Siamo ormai a pochi giorni dall'inizio del 2014, e del car sharing a Verona non vi è traccia. Come non vi è traccia del bando. Eppure sarebbe un servizio utilissimo, particolarmente nella nostra città, sommersa dal traffico e da un uso smodato dell'auto privata e caratterizzata da un servizio pubblico del tutto inefficiente se paragonato a quello delle città vicine (manca qualsiasi mezzo su rotaia; il progetto di filovia approvato correrà a gasolio in centro e prevede trazione elettrica solo in periferia). Sarebbe molto utile se intervistaste di nuovo Corsi e il Presidente AMT Grazie Luciano Butti

Lascia un commento