Car2go approda a Madrid e inaugura il primo servizio di car sharing a flusso libero nella Penisola iberica. In questi giorni l’attività di auto in condivisione nata nel 2008 a Ulma approda nella metropoli spagnola e porta a 32 città la presenza del progetto di mobilità condivisa a “emissioni zero” nel mondo, 16 delle quali in Europa e 4 in Italia. Per Madrid, al momento del lancio, il parco auto si articola su una flotta di 350 Smart fortwo elettriche (quarta area urbana ad impiegare la citycar elettrica di Daimler–Benz dopo Stoccarda, Amsterdam e San Diego).

L’ampliamento di car2go verso Madrid porta con sé una seconda novità finalizzata, indicano i tecnici car2go, a un ulteriore sviluppo della mobilità elettrica nei servizi di car sharing a flusso libero: si tratta di un nuovo network di stazioni di ricarica attraverso una serie di “hub” dedicati, che permettono il “pieno” di energia elettrica in un’ora.

È un progetto–pilota, comunica una nota diffusa nelle scorse ore da Daimler–Benz, destinato a offrire agli utenti un servizio adeguato alle necessità della moderna mobilità sostenibile, e delle metropoli più popolose in particolare (le più indicate per la nascita di programmi di car sharing), nella quale la ricarica rapida delle batterie consente anche di avere a disposizione un più veloce turnover delle vetture in condivisione.

Per l’utenza car2go proveniente dall’estero (e con preciso riferimento all’Italia) gli “automobilisti in condivisione” di Milano, Roma, Torino e Firenze potranno utilizzare il servizio a Madrid, come già avviene nelle altre quindici città europee servite da car2go, in totale libertà e in qualsiasi momento: senza stazioni di noleggio prestabilite all’interno di un’area di 53 chilometri quadrati, senza alcuna differenza rispetto al piano nazionale.

Come avviene in Italia, gli utenti registrati a car2go pagano soltanto il reale impiego effettivo del servizio: non viene addebitato alcun canone aggiuntivo mensile o annuale.

Per la prenotazione di una delle Smart fortwo elettriche disponibili è sufficiente utilizzare una specifica App per smartphone, localizzare il veicolo desiderato e prenotarlo in tutta autonomia.

12 novembre 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento