La mobilità sostenibile gioca un ruolo fondamentale nel miglioramento della qualità della vita nelle città. I programmi di car sharing elettrico negli ultimi anni stanno avvicinando sempre più cittadini a una mobilità a zero emissioni. Di questi temi si è discusso a Milano il 13 e il 14 novembre scorso nell’ambito di una due giorni sulla sharing economy, l’innovazione tecnologica e la mobilità elettrica svoltasi alla Base Milano Spazio ex-Ansaldo di via Bergognone.

Nel corso dei tanti seminari in calendario sono state esaminate le prospettive del car sharing elettrico e degli altri programmi di mobilità sostenibile urbani. Dai dati presentati è emerso che uno dei principali meriti dei servizi di car sharing è quello di facilitare l’approccio dei cittadini alle auto elettriche.

I veicoli a zero emissioni spesso spaventano gli automobilisti per via dei costi iniziali troppo elevati, della scarsa familiarità con le modalità di ricarica e con il cambio automatico. La possibilità di guidare un’auto elettrica offerta a tutti dai servizi di car sharing dissipa i timori infondati e permette di familiarizzare con la tecnologia apprezzandone i vantaggi.

Gli esperti riuniti a Milano per il convegno sulla sharing economy hanno fatto il punto sui servizi di car sharing elettrico disponibili nelle città italiane. A Milano i cittadini possono contare sulle 150 auto elettriche messe a disposizione da Share’nGo, programma gestito da CS Group. Il servizio, partito a giugno, entro la fine del 2015 vanterà una flotta di 500 mezzi a zero emissioni. Il car sharing, 100% elettrico e made in Italy, è disponibile anche a Firenze e farà presto il suo debutto a Modena, Pisa e Roma.

Gli utenti stanno apprezzando il servizio per via dell’autonomia delle auto di 120 km, dei costi modulati sui consumi e della facilità d’utilizzo tramite una app per smartphone o una card. CS Group di recente ha ampliato la sua offerta, permettendo anche ai turisti di noleggiare auto elettriche in alcune località molto frequentate della Penisola: dall’isola d’Elba alla costiera amalfitana.

Aci Global offre servizi di car sharing a Verona, Firenze e Milano e a gennaio metterà a disposizione dei cittadini baresi una flotta di 30 Nissan Leaf. In futuro l’azienda intende offrire il servizio in 17 città coinvolgendo oltre ai grandi centri urbani anche le comunità più piccole.

A Milano si è parlato anche di eBridge, un progetto di ricerca nato per promuovere programmi di car sharing elettrico più efficienti e incentivare i cittadini all’acquisto di auto elettriche private. Secondo i ricercatori europei tra i principali ostacoli da superare per far decollare la mobilità elettrica nelle città figurano: la mancanza di uno standard di ricarica unico; la diffidenza degli automobilisti verso i veicoli a zero emissioni; le lacune delle amministrazioni locali e dei governi nella messa a punto di piani ambiziosi per la mobilità urbana.

Sul fronte della mobilità elettrica gli esperti riuniti a Milano hanno riconosciuto il capoluogo lombardo come un esempio virtuoso per le altre amministrazioni comunali. La città dispone di oltre 30 colonnine di ricarica e offre ai cittadini in aggiunta alle auto elettriche condivise 1.000 bici a pedalata assistita ricaricate con energia fotovoltaica. L’amministrazione meneghina ha concesso inoltre il parcheggio gratuito e l’ingresso libero nell’area C alle auto elettriche.

16 novembre 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento