Arriva a Palermo il car sharing effettuato con auto elettriche. L’ultima frontiera della mobilità condivisa e sostenibile sbarca anche nel capoluogo siciliano, portando una ventata di novità in una città costantemente assediata dalle auto di residenti e pendolari, che ogni giorno la “invadono” per motivi di lavoro.

Dopo il car sharing a metano, ecco dunque che nella città della Favorita arrivano 24 Renault Zoe elettriche, frutto di una gara che il comune ha lanciato lo scorso anno e che ha visto vincere il costruttore transalpino, forte delle sue 30mila Zoe già circolanti in Europa di cui circa 600 in Italia. Una vittoria che ha fatto sì che il ministero dell’Ambiente abbia finanziato il 70% dell’iniziativa e che Amat – l’azienda municipale del trasporto pubblico – abbia investito le rimanenti risorse con la preziosa collaborazione tecnica di Enel.
Da oggi, dunque, i 2.300 cittadini già iscritti al servizio di car sharing potranno contare anche su questo servizio a emissioni zero. Per chi ancora non si fosse iscritto, l’abbonamento costa 25 euro l’anno.

Quanto messo in campo dal sindaco Leoluca Orlando per Palermo si inserisce in un progetto più ampio volto a diminuire l’utilizzo del mezzo privato, a tutto vantaggio dell’ambiente e della sostenibilità.

«Stiamo parlando atti concreti – ha detto in occasione della presentazione del servizio – visto che queste 24 auto elettriche seguono le 102 a metano già condivisibili in città fin dal 2009 e saranno seguite da 420 biciclette del “bike sharing” che da metà novembre saranno messe a disposizione degli utenti che (dal 2016) potranno utilizzare circa 100 km di piste ciclabili che sono in fase di costruzione. In aggiunta, riporteremo il tram a Palermo, e avvieremo un piano di pedonalizzazione di alcune zone del centro proprio per fare sì che migliori il rapporto dei cittadini con la città e che – soprattutto – migliori la qualità dell’aria».

Per il momento, gli utenti delle Renault Zoe in condivisione hanno a disposizione 5 posteggi dedicati sparsi nel centro storico, nell’attesa che se ne aggiungano altri 3 in modo da poter utilizzare più facilmente le auto. Ciascuno punto avrà 3 o 4 colonnine di ricarica rapida, che permetteranno di fare il “pieno” di energia in appena un’ora.

«A completamento di questo progetto – ha aggiunto l’assessore comunale alla Mobilità, Giusto Catania – nel giro di pochi anni completeremo l’anello ferroviario urbano dotando così Palermo di un servizio su misura per pendolari e residenti, molti dei quali potranno dire addio al mezzo privato». Le Renault Zoe, maneggevoli e dal motore scattante, hanno un’autonomia omologata di 210 km.

8 ottobre 2015
Lascia un commento