Il nome del nuovo operatore del servizio di car sharing di Milano verrà svelato solo tra qualche settimana, ma ciò che conta è che il capoluogo lombardo sta per allargare la sua flotta di automobili condivise.

Al servizio originale chiamato GuidaMi si è aggiunto nemmeno due mesi fa Car2Go. Adesso siamo a tre. Dietro questa iniziativa ci sono tre colossi italiani: la Fiat, che fornirà le auto, Eni che si occuperà del rifornimento, e Trenitalia che gestirà la promozione. Se l’esperimento milanese dovesse dare buoni risultati potrebbe essere replicato anche in altre città italiane.

Proprio in questi giorni l’azienda tedesca che gestisce Car2Go ha reso noto che il numero di utenti è stato maggiore del previsto (40 mila iscritti contro i 30 mila preventivati) e perciò è diventato evidente che c’era ancora spazio per un nuovo operatore. Con l’ingresso di questo terzo soggetto si stima che il parco macchine disponibili salga a 1.300. In pratica raddoppierà visto che le auto portate in dote saranno 650.

Le nuove vetture del car sharing saranno tutte modelli della casa torinese, quasi tutte Fiat 500 (anche alcune 500L), alimentate a benzina o a gas.

Per quanto riguarda i costi, si sa già che il servizio sarà attivabile via cellulare con un semplice sms e costerà 25 centesimi al minuto con una limitazione di 50 km. Un prezzo concorrenziale con gli altri già presenti visto che Car2Go costa 29 centesimi, mentre il GuidaMi ha una tariffazione molto più bassa, ma ha costi fissi di prenotazione e di abbonamento.

Anche questo servizio permette di prendere e lasciare le auto ovunque si vuole, senza bisogno di riportarle al parcheggio prestabilito come ad esempio accade con le biciclette, entro un certo perimetro all’interno della città. Non si sa bene quando partirà questo nuovo progetto, ma ciò che conta è che con tre sistemi di car sharing più bike sharing, il car sharing elettrico ed i quadricicli condivisi la città di Milano si candida a diventare una delle città con la mobilità più sostenibile d’Europa.

2 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Agostino Piccinali, giovedì 3 ottobre 2013 alle9:03 ha scritto: rispondi »

car sharing in città con auto a benzina ... e così Milano si avvia a diventare una città a mobilità sostenibile ... ? mah ...

Th., mercoledì 2 ottobre 2013 alle19:32 ha scritto: rispondi »

Se vuole diventare la Città con "la mobilità più sostenibile d'Europa" sarà il caso che si doti di flotte di Car Sharing elettrico e non a benzina (difficile da chiedere a Eni!)... come Amsterdam o Ulm operate da Car2go fra l'altro!... comunque a parole ha già vinto!

Lascia un commento