Un progetto di car sharing per Lione: è quello creato dalla Toshiba Corporation, insieme alla divisione Toshiba Solution Corporation, nell’ambito del programma “Lyon Confluence Smart Community Demonstration Project”. L’obiettivo del servizio, gestito da Proxiway, sarà quello di decongestionare alcune zone della città spesso paralizzate  dal traffico.

Il servizio di car sharing, supportato dal sistema di gestione dei veicoli elettrici alimentati ad energia solare della Toshiba, comprende la fornitura di 30 vetture ognuna correlata ad una stazione di ricarica plug-in, con tre stazioni di ricarica veloce a implementare le infrastrutture: appena partito, il programma sperimentale durerà fino alla fine del 2015.

Toshiba gestirà il servizio e la manutenzione delle sue componenti, fornendo allo stesso tempo il suo “Solar Power Generation Amount Forecasting System and Charging Schedule Optimization System”, sistema che ottimizza le quote di energia solare per i veicoli elettrici.

Il problema principale di un servizio del genere è l’instabilità della fonte energetica: attraverso il sistema di gestione, Toshiba può prevedere la ripartizione delle quote di energia sulla base delle analisi climatiche e delle previsioni del tempo atmosferico e combinare le informazioni con le richieste di veicoli elettrici.

Anche la domanda dei veicoli sarà variabile: per questo motivo, il vero traguardo del programma, spiegano dalla Toshiba, sarà proprio l’ottimizzazione del sistema di gestione dell’energia di ricarica rispetto all’andamento delle richieste.

Il servizio di car sharing a energia solare servirà non solo a decongestionare e migliorare il problema dei parcheggi nelle zone di Lione destinate alla riqualificazione, ma anche a impostare un sistema alternativo di gestione del traffico e della mobilità destinato a ridurre notevolmente le emissioni nocive in ambiente urbano.

La casa giapponese ha inoltre annunciato che mira a stabilizzare il sistema e che intende espandere il progetto attraverso le partecipazioni di imprese smart business legate alla comunità.

15 ottobre 2013
Fonte:
Lascia un commento