Sempre più italiani scelgono il car pooling per raggiungere le località di vacanza, complice una maggiore fiducia e conoscenza di questa modalità di spostamento, i prezzi della benzina e dei mezzi di trasporto sempre più alti, la scelta di destinazioni italiane a discapito delle più costose località esotiche.

Rispetto alla scorsa estate il car pooling in Italia è cresciuto di ben il 480%. Lo rivela BlaBlaCar, piattaforma per la condivisione di posti in auto. I motivi di questo successo sono riassunti da Olivier Bremer, country manager di BlaBlaCar Italia:

Il risparmio, naturalmente, ma soprattutto il fatto di essere un’ottima risposta alle nuove esigenze di mobilità, spesso last minute, della popolazione. Muoversi in maniera agile, smart, abbattendo le emissioni di CO2 e socializzando è una formula che sempre più persone scelgono per ogni viaggio.

I gestori del social network, attivo in tutta Europa, fanno notare che solo nei giorni di Ferragosto sono stati condivisi ben 300 mila posti auto, con capacità di trasporto pari a quella di 520 treni ad alta velocità. I passaggi più condivisi e richiesti sono quelli verso le località di mare. La tratta Milano-Bari è la più gettonata.

Chi sceglie di viaggiare con il car pooling in questo caso risparmia circa la metà sul biglietto del treno, spendendo mediamente 40 euro invece di 95 euro. La tratta Roma-Bari a volte arriva a costare poco più di 10 euro in auto condivisa, a fronte degli 80 euro di un viaggio da soli.

Per venire incontro alle esigenze di tutti i passeggeri, su BlaBlaCar si può scegliere addirittura il livello di chiacchiera, per non rischiare di viaggiare con persone dal carattere poco affine al nostro, la possibilità di trasportare animali, uno o più bagagli.

L’affidabilità del conducente è verificata dai feedback ricevuti dagli altri utenti della piattaforma. Anche grazie al passaparola e alla fidelizzazione di chi dopo il primo viaggio positivo continua a utilizzare il servizio, il ride sharing sta acquistando sempre più credibilità in Italia.

25 luglio 2014
Fonte:
Lascia un commento