Car pooling aziendale: CO2, risparmiate 189 tonnelate in avvio 2018

Continua il successo del car pooling aziendale. Questo è quanto emerge dai dati forniti, in relazione ai primi sei mesi del 2018, dal servizio Jojob. Secondo quanto reso noto sono stati risparmiati, grazie alla condivisione dell’auto tra colleghi, circa 1.454.382,50 km, per un incremento del valore del 90% rispetto allo stesso periodo 2017.

Secondo Jojob a crescere sarebbero anche i passeggeri del servizio di car pooling aziendale, passati da 24.103 a 51.567. Più che raddoppiato il numero dei viaggi certificati effettuati, che da 18.391 sono passati a 39.234. Novità positive anche per quanto riguarda le emissioni di CO2 risparmiate, passate dalle 99 del 2017 alle attuali 189 tonnellate.

=> Leggi i dati Jojob su car pooling e riduzione delle emissioni di CO2

L’arrivo del bel tempo ha segnato inoltre il successo anche del nuovo servizio “Bici e Piedi“, con 1.265 viaggi certificati svolti a bordo delle due ruote e 530 camminando. Il risparmio di CO2 in questo caso è stato di 1.035 kg. Alto anche il risparmio economico totale (car pooling + Bici e Piedi) secondo Jojob, che lo stima per i primi 6 mesi del 2018 in 290.876 euro (equivalente all’85% del risparmio registrato nell’intero 2017, pari a 339.383 euro). I maggiori risparmi sono stati registrati da un jojobber di Lodi (2.157 euro) e da un carpooler romano (1.800 euro).

=> Scopri le nuove funzionalità Jojob per il car pooling aziendale

Vantaggi che derivano dal fatto che il servizio è utilizzato da quasi la metà dei dipendenti ai quali è offerto dalle rispettive aziende, con una media di 2,32 persone a bordo per tratta. Il tragitto medio è di 27,7 km, mentre i maggiori utilizzatore sono gli uomini (58,8%) intorno ai 35 anni, età media 30 per le donne (41,2%). Come ha spiegato Gerard Albertengo, CEO e Founder Jojob:

È interessante notare che nel 70% dei casi i carpooler ammettano di non suddividere le spese, ma di alternare l’uso dell’auto con cui viaggiare. Il 20% dei dipendenti invece non si preoccupa dei costi e fa viaggiare i passeggeri gratis, mentre infine il restante 10% sceglie di suddividerli tra i componenti dell’equipaggio.

4 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento