La caponata è una ricetta tipica della cucina siciliana: è un piatto a base di ortaggi freschi, soprattutto melanzane, ampiamente coltivate nella regione. Gli ortaggi vengono fritti e quindi conditi con sugo di pomodoro insaporito con sedano, cipolla, olive e capperi.

La ricetta originale della caponata viene declinata in più di 30 varianti in tutta la Sicilia, alle quali si aggiungono le diverse versioni dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, nonché quelle moderne.

=> Scopri le calorie delle melanzane


Dal punto di vista nutrizionale, si tratta di una ricetta piuttosto ricca sia di calorie che di grassi, servita tipicamente come contorno: una porzione di caponata potrebbe accompagnare un secondo leggero. Vista la ricchezza del sugo al pomodoro che accompagna la ricetta, è preferibile evitare il primo piatto e servire la caponata con una porzione di pane o focaccia fresca al naturale, ossia senza l’aggiunta di olio o altri grassi.

Secondo le ricerche in ambito gastronomico, la ricetta originale della caponata è quella palermitana. Meno nota al di fuori della regione di provenienza è la caponata napoletana, un piatto che condivide con la versione molto poco, se non il nome.

Vediamo gli ingredienti e come preparare la caponata palermitana e quella napoletana.

La caponata palermitana

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di melanzane;
  • 80 g di olive verdi snocciolate e tagliate a rondelle;
  • 40 g di capperi dissalati;
  • 250 g di sugo di pomodoro fresco;
  • 100 g di sedano bianco sminuzzato;
  • 100 g di cipolla sminuzzata;
  • 100 ml di aceto bianco di vino;
  • 40 g di zucchero
  • olio di arachidi per friggere.

Pulite e lavate le melanzane, quindi tagliatele a cubetti e raccoglietele in un colapasta. Salate e fate riposare per almeno 30 minuti, o fino a che avranno perso l’acqua di vegetazione. Riprendete le melanzane, scolatele, asciugatele e friggetele in olio ben caldo per qualche minuto. In una padella antiaderente raccogliete la cipolla sminuzzata, il sedano, la cipolla, i capperi, le olive e la salsa di pomodoro. Fate cuocere per qualche minuto quindi unite l’aceto e lo zucchero. Mescolate bene e fate cuocere a fuoco medio, quindi unite le melanzane e fate cuocere ancora per qualche minuto. Servite la caponata calda.

La caponata napoletana

Questa versione della ricetta prevede l’impiego di freselle, ossia un “tarallo” croccante tagliato a metà in senso orizzontale, del diametro di circa 10 cm.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 freselle;
  • 200 g di pomodorini maturi;
  • 80 g di melanzane sott’olio;
  • 80 g di olive verdi tagliate a rondelle;
  • 8 acciughe scolate dall’olio di conservazione;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • origano.

=> Scopri come coltivare i pomodorini


Bagnate le freselle in acqua a temperatura ambiente, quindi disponetele su un piatto da portata. Condite con i pomodorini sminuzzati e scolati e le melanzane. In una ciotola, amalgamate il resto degli ingredienti quindi dividete sopra le freselle. Servite a temperatura ambiente con verdure fresche di stagione.

Questa ricetta è del tutto diversa da quella siciliana, anche per come viene servita. La caponata napoletana è un piatto unico, potrebbe essere accompagnata da un abbondante contorno di verdure fresche miste. La leggerezza del piatto rende la versione partenopea adatta a essere consumata spesso: apporta una discreta quantità di grassi buoni, fibre alimentari e antiossidanti.

12 ottobre 2016
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
mexsilvio, mercoledì 12 ottobre 2016 alle20:13 ha scritto: rispondi »

E' uno stillicidio , quello che accade , con sempre piu' frequenza oggi ...!!!!! l'APPROPRIARSI DI SPECIALITA' CULINARIE COPIATE DA ALTRE REGIONI O ETNIE ..!!! La caponata e' quella siciliana ..!!!! che poi tutte le regioni copino la ricetta aggiungendo o togliendo qualche ingrediente ...!! non da la licenza di appropriarsi anche del nome ..??? e questa cattiva abitudine e' quella che poi senza troppo accorgersi porta al parmisan , o allo spumante bulgaro ...!!!!???

Lascia un commento