Capodoglio ucciso da 29 chili di rifiuti

Un capodoglio muore arenato sulla spiaggia, dopo aver ingerito oltre 29 chili di rifiuti di plastica. È questa la drammatica storia che proviene dalla Spagna, divenuta virale negli ultimi giorni sebbene il rinvenimento del cetaceo risalga allo scorso febbraio. Uno degli esempi più lampanti dei danni provocati dall’uomo all’ambiente marino, oggi ricolmo da tonnellate di plastica.

Il capodoglio è stato scovato sulla spiaggia nei pressi del faro di Cabo de Palos, a Murcia, ormai senza vita. Di circa 10 metri di lunghezza, e d’età decisamente giovane, l’animale è stato preso in carico dalle autorità locali, per decretarne le cause della morte. Dopo l’autopsia, è emersa la cruda realtà: nello stomaco e nell’intestino del cetaceo erano presenti ben 29 chili di rifiuti, tra cui anche bidoni di plastica, tali da determinare una condizione infiammatoria poi sfociata in peritonite.

=> Scopri la balena spiaggiata salvata dai bagnanti


Questi grandi abitanti del mare di nutrono principalmente di crostacei, plancton e piccoli animaletti. Sempre più di frequente, tuttavia, i cetacei scambiano sacchetti e bottiglie di plastica per una delle loro prede: i rifiuti, giunti nello stomaco, non vengono aggrediti dagli acidi della digestione e vi rimangono quindi incastrati, sino a determinare blocchi, perforazioni e altre conseguenze gravi.

Il triste epilogo di cui è stato vittima il capodoglio ha spinto le autorità locali ad avviare una campagna di sensibilizzazione, per convincere i cittadini a ricorrere alla raccolta differenziata e ad evitare l’abbandono di oggetti in plastica nell’ambiente.

=> Scopri lo squalo spiaggiato aiutato dai bagnanti


Nei mari che circondano l’Europa, così come riferisce Il Fatto Quotidiano, si stima siano presenti in acqua tra le 150 e le 500.000 tonnellate di rifiuti in plastica. Nel 2050, secondo la comunità scientifica, vi saranno immersi nelle acque più rifiuti che pesci. Questi rifiuti rappresentano una costante minaccia per la fauna marina: oltre ai cetacei, colpiti vi sono tartarughe, foche e trichechi, uccelli e molte altre specie ancora.

11 aprile 2018
Immagini:
Lascia un commento