Per questo Capodanno abbandonate la tradizione del classico e già visto, e affidatevi alla creazione di ricette nuove e originali. Magari servendo pietanze senza ingredienti e derivati di origine animale. Attingete al mondo vegan per un menù invitante e non scontato, rivisitando la tradizione culinaria della vostra zona, oppure servendo due pietanze interessanti e facili da creare.

Per la cena dell’ultimo dell’anno preparate dei canederli e del seitan tonnato. Due ricette vegan a metà strada tra l’esigenza della stagione e l’originalità. I canederli, o knodel, sono un tipico piatto invernale che deve la sua creazione alle necessità della cucina povera di un tempo. Realizzati con gli avanzi sono un piatto tipico della cucina tedesca, che ne propone varianti infinite, che nel tempo ha trovato poi diffusione anche nel triveneto italiano. Per la realizzazione della variante vegan procuratevi:

  • mezzo kg di pane secco integrale
  • 1 porro
  • 1 cipolla o scalogno
  • 1 spicchio d’aglio
  • 250 gr di seitan
  • mezzo litro di latte di soya
  • un cucchiaino di cannella
  • un cucchiaino di noce moscata
  • pepe, sale e olio EVO qb
  • 250 gr di farina integrale
  • brodo vegetale qb

Ammorbidite il pane secco con il latte, nel mentre fate appassire in padella la cipolla con il porro e poco olio, quindi aggiungete un goccio d’acqua per impedire che si bruci. Unite il seitan tagliato a pezzettini, le spezie, l’olio e mescolate per amalgamare, quindi aggiungete 125 grammi di farina per addensare il composto. Lavoratelo con le mani e create delle palline grezze di circa 5 cm di diametro, rotolatele nuovamente nella farina avanzata quindi cuocete i canederli nel brodo vegetale per 10 minuti. Si possono gustare serviti in brodo o saltati in padella con burro di soia o margarina vegetale, e salsa di soia. Le varianti per creare i canederli sono infinite, per renderli più consistenti potete aggiungere fecola di patate o pan grattato, quindi aumentare il gusto realizzandoli al radicchio e servendoli con salsa di noci e formaggio vegan. Oppure sostituendo il seitan con spinaci o funghi, erba cipollina e panna vegan.

Per realizzare il seitan tonnato non dovrete procurarvi tonno e affini ma, essendo una ricetta vegan, sbizzarrirvi ricreando un piatto alla pari come gusto a consistenza. Per realizzare la ricetta procuratevi:

  • 400 g di seitan al naturale o arrosto
  • 500 g di ceci lessati o fagioli cannellini
  • 250 g di yogurt di soia
  • 5 cucchiaini di capperi sott’aceto dissalati
  • 1 cucchiaio di tahin
  • mezzo cucchiaino di senape
  • succo di mezzo limone
  • sale, acqua, olio EVO e salsa di soia qb

Tagliate il seitan a fette sottili e disponetele in una taglie da forno con un filo di olio EVO e salsa di soia a 180° per circa 5 minuti, oppure in una padella antiaderente a fuco lento. Inserite nel frullatore i ceci precedentemente lessati (oppure i fagioli cannellini), i capperi, lo yogurt, la senape, la thain, il succo di limone e un goccio d’acqua e frullate per ottenere una crema morbida e vellutata. Disponete il seitan su un piatto di portata, ricopritelo con la salsa e guarnite con qualche cappero e pochi ciuffetti di prezzemolo, quindi copritelo con la pellicola per alimenti e lasciatelo riposare per qualche ora in frigorifero. Servite su una tavola decorata per la festa, gustando le ricette con calma, serenità e un pizzico di allegria.

30 dicembre 2013
Lascia un commento