Capodanno sta arrivando, si avvicina il momento clou dell’anno. L’ultimo giorno di un’intera annata che, per tradizione, si deve festeggiare a tutti i costi. Il tormentone che, appena finite le vacanze estive, inizia a ossessionare le nostre giornate. Dove trascorrere l’ultimo giorno dell’anno? Eppure non tutti amano forzarsi al festeggiamento sfrenato, preferendo piuttosto una cena casalinga e serena.

L’usanza vuole che si celebri Capodanno tutti insieme, stappando bottiglie, lanciando coriandoli e mangiando in abbondanza. Oppure tutti in fila a suon di musiche latine, avvinghiati in un trenino interminabile. Ma c’è chi desidera saltare a piè pari i festeggiamenti, oppure lavora o ancora sposa un profilo più tranquillo in funzione delle proprie disponibilità economiche.

Per stupire senza esagerare, per realizzare una piccola cenetta o festicciola low cost organizzatevi stilando un elenco degli invitati e un piccolo menù. In questo modo potrete gestire meglio la spesa, in funzione di uno spreco limitato e maggiore risparmio. Per gli antipasti preparare un patè con ceci lessati e frullati, succo di mezzo limone, cipolla tritata sottile, 2 cucchiai di coriandolo fresco, una spolverata di sale, pepe. Oppure del pane alle olive fatto in casa, da servire caldo con un filo di olio EVO. Un altro antipasto semplice sono i cornetti salati alle verdure. Sbollentate le verdure in acqua, quindi frullatele con la ricotta, un po’ di sale e dell’erba cipollina. Stendete la pasta sfoglia o brisè e tagliate dei triangoli di 15cm di lato. Farciteli centralmente con un po’ di ripieno, quindi arrotolateli per ottenere tanti piccoli conetti e cuoceteli in forno per 20 minuti a 200°. Potrete variare la farcitura a seconda del vostro gusto.

Per mantenere inalterata la tradizione di Capodanno potete cucinare una gustosa zuppa con riso e lenticchie. Veloce, economica, saporita e nutriente: sarà un primo molto gradito. Tritate e rosolate una cipolla piccola, aggiungete il riso e le lenticchie (in barattolo), quindi coprite con acqua e lasciate cuocere. Aggiungete un rametto di rosmarino, alloro, salvia, sale, pepe e un cucchiaio di salsa di pomodoro. Mescolate durante la fase di cottura e servite caldo con un filo di olio, una spolverata di formaggio e crostini di pane arrostiti in forno. Come alternativa potete realizzare ravioli fatti in casa con un ripieno di zucca oppure di menta, ricotta e noce moscata. Serviteli con una salsa di salvia, olio e pepe, oppure una salsa al pomodoro.

Per il secondo affidatevi a un piatto unico, magari una quiche con verdure di stagione. Oppure un gustosa ratatouille, tipica della cucina francese. Per realizzarla procuratevi: 4 zucchine, 1 peperone rosso, 1 peperone giallo, 1 melanzana, 4 pomodori ramati, 1 porro, 1 spicchio d’aglio, basilico, timo, sale, olio d’oliva. Tagliate le zucchine a rondelle, cuocetele e lasciatele riposare in un piatto a parte. Lavate i peperoni, eliminate semi e filamenti interni quindi tagliateli a fettine sottile e cuoceteli nella stessa padella di prima. Per renderli più digeribili aggiungete un filo di aceto. A cottura ultimata uniteli alle zucchine, quindi cuocete la melanzana tagliata a dadini. A parte cuocete i pomodori tagliati a cubetti con il porro affettato sottile e un filo d’olio. Unite tutte le verdure, fatele saltare e disponetele in una pirofila con una spolverata abbondante di formaggio. Lasciate cuocere in forno fino a che il formaggio non diventi croccante. In alternativa c’è chi cuoce la ratatouille creando degli strati: si lava e si taglia la verdura a rondelle, con l’aggiunta delle carote e delle patate. La si dispone per tipo a strati, salando e irrorando con olio ogni livello. Si termina con un ultimo strato ricoperto con formaggio, quindi la si cuoce in padella o in forno.

Per i contorni sbizzarritevi con verdure, salatini, focacce e pizzette fatte in casa, oppure un mix di frutta e verdura e noci. Per i dolci, la frutta tradizionale e le bevande affidatevi all’acquisto locale preferendo i piccoli negozi per incentivare l’economia di zona. E per il brindisi finale stappate bollicine made in Italy, economiche ma ideali. Se invece non volete trascorrere la giornata dietro ai fornelli, festeggiare non è il vostro obbiettivo e neppure le feste in piazza vi attirano, basterà una cioccolata calda con un po’ di cannella e qualche semplice biscotto per riscaldare il momento.

Non dimenticatevi di sorvegliare i vostri amici a quattro zampe che, spaventati dai botti di capodanno, potrebbero aver bisogno del vostro sostegno, della vostra compagnia e del vostro amore. Concedetevi un po’ di dolcezza con loro che possa traghettarvi con calma verso il nuovo anno, nella speranza che tutti i sogni diventino presto realtà.

27 dicembre 2011
Lascia un commento