La salute e la bellezza dei capelli passano attraverso l’alimentazione e il benessere fisico e psichico. Eventuali carenze vitaminiche ma anche lunghi periodi di stress possono ripercuotersi sulle chiome, provocando assottigliamenti, perdita di lucidità e soprattutto aumentandone la caduta che da fisiologica può trasformarsi in cronica.

Responsabili di un indebolimento dei capelli sono, ad esempio, un’alimentazione sregolata che non assicura un corretto apporto di principi nutritivi, un’attenzione insufficiente ai cibi che compongono la dieta quotidiana e che dovrebbero garantire vitamine e sali minerali. Anche i cambi di stagione possono causare fragilità, così come l’uso prolungato di alcuni farmaci: gli antibiotici, ad esempio, limitano l’efficacia delle vitamine e si va incontro al medesimo rischio quando si consumano dosi eccesive di alcolici.

=> Scopri l’acido folico per capelli e unghie


Il consiglio per tutelare sempre la salute dei capelli è quello di rivolgersi a uno specialista per verificare disturbi locali inerenti il cuoio capelluto e monitorare alcuni parametri effettuando semplici analisi del sangue. Il professionista più indicato è il dermatologo tricologo.

Vitamine per i capelli

Le vitamine indispensabili per fortificare i capelli sono diverse, ognuna utile per dare supporto alle cellule e facilitare la sintesi della cheratina. Qualora l’alimentazione non fosse sufficiente per mantenere i parametri entro i limiti consigliati è possibile ricorrere agli integratori, tuttavia è bene ricordare che questi ultimi devono essere assunti per lunghi periodi di tempo e con molta costanza, ripetendo i trattamenti a distanza di qualche mese se necessario.

=> Scopri come preparare i capelli al sole


Ecco l’elenco delle vitamine che rappresentano una risorsa per una chioma sana e folta.

  • Vitamina A: puro nutrimento per il capello, aiuta a limitare gli effetti dell’invecchiamento e una sua carenza provoca forfora e secchezza. La si assume consumando carote, zucche, broccoli ma anche formaggio e uova.
  • Vitamina E: ha un notevole potenziale antiossidante e favorisce la circolazione del sangue anche sul cuoio capelluto, stimolando la crescita di capelli sani e ritardando la perdita di colore. Si trova soprattutto negli oli di origine vegetale, nella frutta secca e nelle germe di grano.
  • Vitamine del gruppo B:  una loro carenza aumenta il rischio di sviluppare forfora e andare incontro a calvizie. La B1 dona energia e rivitalizza il cuoio capelluto, la B2 e la B5 favoriscono la naturale lucentezza , la B12 favorisce la crescita ossigenando il bulbo pilifero. La B3 (o PP), infine, entra in gioco nella rigenerazione cellulare e porta notevoli benefici. Ricche fonti di queste vitamine sono i cereali, alcune verdure come i broccoli, gli spinaci, legumi come soia e lenticchie, le arance e l’avocado.
  • Vitamina H (biotina): una sua carenza causa diradamento e assottigliamento. La si trova in alcune tipologie di alimenti come i funghi, i piselli e le lenticchie, il latte e il tuorlo d’uovo.
  • Vitamina C: infine, anche la questa vitamina entra in gioco per favorire la bellezza e la salute dei capelli, infatti agisce positivamente nell’assorbimento del ferro il cui apporto, a sua volta, si rivela indispensabile. In caso di diradamento ed eccessiva caduta non stagionale, ad esempio, è indicato un attento monitoraggio non solo della sideremia ma anche della ferritina, prezioso indicatore delle scorte di ferro presenti nell’organismo.

4 luglio 2017
Immagini:
Lascia un commento