Canta ai cani del rifugio per calmarli

Gestire un rifugio per animali non è mai questione semplice. Non solo per il numero di esemplari ospitati, ma anche perché si tratta di animali stressati, spesso costretti a vivere in spazi ristretti in attesa di un’adozione, provenienti da storie di vita complesse e spesso dolorose. In un centro statunitense, tuttavia, è stata trovata una modalità davvero innovativa per riportare la serenità nel gruppo di cani ospitati: l’uso della canzone.

Il tutto accade a Vance County, nella Carolina del Nord, dove Chad Olds ha trovato un metodo davvero efficace per riportare la calma e la tranquillità fra i box del rifugio locale dei servizi animali. Armato di chitarra, infatti, l’uomo suona e canta per i suoi amici a quattro zampe, i quali rimangono incantanti nell’ammirare le sue doti da musicista.

=> Scopri la musica per cani e gatti nei rifugi


Diverse ricerche hanno dimostrato, con anche numerose sperimentazioni sul campo, come la musica possa essere uno strumento ideale per gestire la vita degli animali da rifugio, in particolare cani e gatti. Un sottofondo musicale, infatti, permette di ridurre lo stress rassicurando i quadrupedi, stimolando la loro calma e incentivando il loro animo più pacifico. Così Olds, oggi parte integrante della gestione del rifugio dopo una carriera da musicista, ha deciso di provare imbracciando la sua chitarra.

Il risultato è stato sorprendente: già alle primissime note, i cani hanno smesso di abbaiare e si sono posizionati in religioso ascolto, trasportati dal suono dolce della chitarra e dalla calda voce del loro compagno umano. Stupito dal risultato, lo staff del rifugio ha quindi deciso di filmare l’impresa, condividendola sui social network.

=> Scopri la musica per gatti


Il video è diventato immediatamente virale sui social network, dove è stato condiviso da migliaia di persone. L’iniziativa fa parte di un programma d’arricchimento per gli ospiti del rifugio, tra giochi e attività all’aria aperta, per mantenerli in buona salute, sereni e pronti per una nuova famiglia.

16 febbraio 2018
Fonte:
Lascia un commento