Gli uomini sono più sensibili alla cannabis delle donne. A dirlo è uno studio dell’Università di York, Gran Bretagna, che spiega come il sesso maschile sia più vulnerabile e più incline a sviluppare possibili effetti psicotici legati all’uso di marijuana.

Durante lo studio, pubblicato sul “Journal of Advances in Dual Diagnosis”, è stato analizzato il consumo di cannabis esaminando le cartelle dei ricoveri per psicosi da marijuana provenienti dal British Crime Survey.

L’osservazione ha coperto tutto il Regno Unito per un periodo di 11 anni. Gli studi epidemiologici sono stati rivisti, analizzando i dati incrociati, in modo da confrontare numeri e caratteristiche dei ricoveri rispetto alle differenze di genere. Secondo i dati dell’Università di York, gli uomini utilizzatori che fumano regolarmente marijuana sono il doppio rispetto donne. Naturalmente, la differenza quantitativa si rispecchia nei tassi di psicosi.

Quello che ha rilevato il team inglese è l’aumento sostanziale che il rapporto subisce quando si analizzano le psicosi indotte direttamente dall’uso di marijuana. In questo caso, gli uomini hanno una tendenza 4 volte maggiore allo sviluppo di questi problemi rispetto alle donne. Ian Hamilton, ricercatore dell’Università di York e capo del team di ricerca, ha spiegato:

Analizzando i dati in maniera approfondita, abbiamo riscontrato differenze di genere nei tassi di psicosi da cannabis decisamente sconcertanti. Questo non vuol dire inequivocabilmente che il consumo di cannabis sia più pericoloso fra gli uomini che fra le donne, ma sicuramente gli uomini hanno maggiori possibilità di sviluppare conseguenze negative.

31 luglio 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento