Grande scalpore continua a creare la vicenda dei due cani della moglie di Johnny Depp, Amber Heard, giunti in aprile in Australia con il jet privato della coppia. La donna aveva raggiunto l’attore durante le riprese del nuovo episodio de “Pirati dei Caraibi”, ma il paese possiede leggi e normative piuttosto ferree sull’introduzione nella nazione di cibi, piante e animali non autoctoni. La giovane è ora sotto accusa e rischierebbe 10 anni di carcere o una multa salatissima per aver forse falsificato la documentazione importando illegalmente i cani, quindi non sottoponendoli alla quarantena d’ordinanza. Dopo aver eluso l’udienza di pochi giorni fa, il caso è stato rinviato e aggiornato al 2 novembre.

La scoperta dei cani famosi ha prodotto una diatriba con il Ministro dell’Agricoltura dell’Australia, attirando la curiosità dei media di tutto il mondo, quindi dei fan. La vicenda ha favorito la creazione dell’hashtag #WarOnTerrier che ha cavalcato i social network. L’arrivo dei piccoli Boo e Pistol è stato scoperto per caso, quando un centro di toelettatura locale ha pubblicato la loro foto. Il Ministro Barnaby Joyce sin da subito aveva sottolineato la sua contrarietà alla presenza illegale dei cuccioli in Australia: non era interessato alla fama di Johnny Depp, i suoi cani avrebbero dovuto seguire in ogni caso l’iter solito oppure ricever la soppressione.

Nonostante la diatriba, i due animali hanno lasciato il territorio australiano pochi giorni dopo, facendo ritorno a Los Angeles sani e salvi. Ma la causa è ancora aperta come lo scontro tra l’attore e Barnaby Joyce. Depp, durante una recente conferenza stampa presso la Mostra del Cinema di Venezia dove è presente, ha preso di mira il Ministro dell’agricoltura australiano sottolineando la fine degli amati cani della moglie. Secondo le sue parole, Boo e Pistol sarebbero finiti in pentola, quindi trasformati in una pietanza per soddisfare le richieste del Ministro stesso. Parole di certo ironiche, che hanno lasciato trasparire un tocco di sarcasmo.

8 settembre 2015
Fonte:
Lascia un commento