Welsh Springer Spaniel

Il Welsh Springer Spaniel ha avuto il suo sviluppo in Galles molto prima del ‘300, riconosciuto e classificato dalla F.C.I nel proprio Gruppo 8, quello dei cani da riporto, cani da cerca, cani da acqua.

Selezione e aspetto del Welsh Springer Spaniel

Non ha subito incroci volontari, pertanto è considerata una razza pura oltre che antica. La storia del Welsh Springer Spaniel è molto simile a quella del Cocker Spaniel Inglese: infatti inizialmente si indicavano con il termine Cocker anche gli Spaniel. Solo nel 1900 le due razze vennero distinte in maniera definitiva.

Gli esemplari di questa razza sono di taglia media, il Welsh Springer Spaniel è un cane tonico nelle masse muscolari e per questo molto resistente e in grado di sopportare carichi di lavoro anche pesanti.

Presenta un cranio convesso e con il muso lungo; le orecchie pendono aderenti alla guancia, sono relativamente piccole e si restringono verso l’estremità, la loro forma ricorda un poco quelle di una foglie di vite. Gli occhi sono marroni scuro o color nocciola; il tartufo è chiaro.

Il pelo è liscio, folto e setoso, le colororazioni ammesse dallo standard sono il rosso scuro e bianco.

Carattere e impieghi del Welsh Springer Spaniel

Come detto si tratta di un cane robusto, inoltre il Welsh Springer Spaniel è un animale gioioso, veloce e socievole.

Mai aggressivo, né tantomeno pauroso; è ubbidiente al proprio padrone e si integra con facilità nell’ambiente familiare, risulta essere un perfetto cane da compagnia data la sua capacità di stare in vicino anche ai bambini senza alcun problema.

L’attività nella quale eccelle è però la caccia a fagiani e lepri, le sue grandi capacità natatorie gli consentono di intrappolare le prede anche in acqua.

25 febbraio 2014
Lascia un commento