Quella del Terrier Nero Russo è una razza canina di creazione piuttosto recente proveniente, come suggerisce il nome, dalla Russia.

È stato riconosciuto dalla F.C.I. nel 1984, inizialmente venne classificato fra i Terrier (Gruppo 3) ma, successivamente, data la costruzione e il carattere gli venne spostato nel Gruppo 2, ossia i cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri.

Selezione, aspetto e impiego del Terrier Nero Russo

Nell’ex URSS, agli inizi degli anni ’50, il Ministero della Difesa decise di affiancare la polizia con un cane che fosse autoctono, e partì quindi il processo di selezione che vide coinvolte, fra le altre, le seguenti razze: lo Schnauzer gigante, l’Airedale terrier; il Terranova e il Rottweiler.

Il Terrier Nero Russo è un cane di taglia media leggermente superiore, con un robusto corpo ricoperto da un manto dal pelo molto fitto, la cui unica colorazione ammessa è il nero.

Carattere del Terrier Nero Russo

Il cane è dotato di un forte temperamento, e non poteva essere diversamente dati gli incroci, ha eccezionali reazioni di difesa, non è adatto a vivere in presenza di bambini né è adatto ai neofiti, necessita di un padrone di esperienza e di polso e, infine, non gli si addice la vita in appartamento meglio gli spazi aperti.

Quindi non va bene impiegato come cane da compagnia pur essendo un cane che cerca quella del proprio padrone, è molto diffidente nei confronti degli estranei, al punto da poter diventare mordace, è un perfetto cane da guardia e da difesa.

12 febbraio 2014
Lascia un commento