Il Telomian, noto anche come il Cane della Malesia, appartiene a una razza molto antica al momento non ricosciuta dalla F.C.I. nè da altra Fedrazione, deve il suo nome al fiume di Telom.

Selezione e aspetto del Telomian

L’origine esatta non è bene definita: alcuni studiosi ritengono sia il discendente del Bulldog Inglese e del Dingo selvaggio.

Alcuni esemplari di questa razza vennero importati negli Stati Uniti nel 1963, qui venne condotta con un’accurata selezione che ha reso il Telomian un cane più grande e con un carattere decisamente più tranquillo.

Il lavoro condotto negli USA ha fatto sì che all’animale sia stata assegnata doppia nazionalità di provenienza, Malesia e USA per l’appunto.

La mancanza di classificazione non impedisce il fatto che sia possibile delineare alcuni aspetti del Telomian: è un cane di media taglia, con una struttura corporea compatta, con gli arti forti e la coda portata a falce.

Il pelo è corto e soffice, il mantello è solitamente marrone chiaro, con tutte le sue possibili varianti, presenta macchie punteggiate sia sul petto che sui piedi.

Carattere e impieghi del Telomian

Si tratta di un cane vivace, allegro e molto intelligente; si affeziona sin dal primo impatto all’ambiente casalingo, soprattutto ai componenti della famiglia che lo riempiono di coccole e attenzioni.

Oggi il Telomian è un ottimo cane da compagnia che vive tranquillamente in appartamento, ma gradisce gli spazi aperti dove è libero di muoversi e di giocare.

In origine, invece, aveva il compito di catturare e uccidere gli animali nocivi come topi, ratti e serpenti, era quindi impiegato come cane da caccia, cosa che spiega perché fosse molto aggressivo ed è stato necessario lavorare sul suo carattere.

29 marzo 2014
Lascia un commento