Lo Shih Tzu è una razza canina, dalle antiche origini, che viene dalla Cina, più esattamente dal Tibet. Riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 9, quello dei cani da compagnia.

Storia e aspetto dello Shih Tzu

Il suo nome significa Cane Leone, ed è stato così chiamato per la sua grande somiglianza con tale animale ma, attenzione, non va confuso con il Piccolo Cane Leone che è invece un’altra vera e propria razza di cane.

Discendente del Lhasa Apso, nell’antichità gli Shih Tzu erano considerati doni preziosi per l’imperatore, gli esemplari maschi erano, addirittura, considerati sacri.

Per questo motivo, per molto tempo, di questi cani non si è saputo nulla, usciro fuori dai palazzi imperiali solo nella prima metà del Novecento, e riscossero un immediato successo e apprezzamento, tanto da venire esportati in Europa dove poi, in Inghilterra, furono curati e ulteriormente selezionati.

Si tratta di un cane di piccola taglia alto non più di 26 cm, robusto e con la caratteristica di un pelo lungo e folto che ricopre tutto il corpo fino a toccare a terra. Ha il pelo anche sopra il naso che, crescendo verso l’alto, dona alla razza una faccia molto caratteristica, a crisantemo per dirla come gli esperti.

La testa è ampia e rotonda, anch’essa ricoperta di pelo; gli occhi sono grandi, rotondi e di colore scuro; le orecchie sono grandi e portate cadenti; la coda è dotata di grande pennacchio e portata arrotolata sul dorso.

Carattere e impieghi dello Shih Tzu

Si tratta di un cane molto intelligente e per questo facile da addestrare. Lo Shih Tzu ha tutte le caratteristiche del perfetto cane da compagnia, è infatti, al tempo stesso, vivace, socievole e con un temperamento indipendente.

Affettuoso con il padrone e la di lui famiglia, adora la presenza dei bambini, è invece molto sospettoso, ma solo inizialmente, nei confronti degli estranei, per questo motivo non può essere impiegato come cane da guardia, troppo alto il rischio che facilemte possa familiarizzare con il male intenzionato di turno.

23 febbraio 2014
Lascia un commento