Schipperke

Lo Schipperke è una razza canina che viene dalla Regione fiamminga del Belgio, ricosciuta e classificata dalla F.C.I. nel prorpio Gruppo 1, quello dei cani da pastore e bovari (escluso bovari svizzeri).

Origini e aspetto dello Schipperke

La teoria indica i progenitori dello Schipperke nelle zone della Francia e dell’Olanda. Documenti testimoniano la sua presenza nel XV secolo nel quartiere di Saint-Géry, nella città di Bruxelles.

Nello stesso periodo nacque la moda di preferire i cani nati con coda corta; la selezione cui venne sottoposta la razza mirò, riuscendo, proprio a questo: fra i caratteri tipici dello Schipperke e definiti dallo standard vi è infatti la totale assenza di coda.

Il nome dovrebbe derivcare dalla parola skipper che significa battello o, secondo altri, potrebbe derivare da sheep-perke, che significherebbe piccolo pastore. Nel suo Paese d’origine è soprannominato piccolo demonio nero.

Lo Schipperke discende dall’incrocio di una razza di pastori tipica delle Fiandre, ora estinta, con Spitz nordici oppure di Terrier con il Volpino di Pomerania.

Gli esemplari di questa razza sono di piccola taglia, nel complesso sono dotati di buona struttura muscolo-scheletrica e risultano essere molto armonici nonostante, come detto, la totale assenza di coda. Lo Schipperke presenta linee eleganti in un corpo inscrivibile in un rettangolo.

Il pelo folto dello Schipperke è consistente al tatto, secondo lo standard l’unica colorazione ammessa è è il nero.

Carattere e impieghi dello Schipperke

Si tratta di un cane dal carattere molto vivace, agile e instancabile, lo Schipperke è inoltre molto curioso, è infine molto geloso delle cose cui deve fare la guardia, impiego che è a oggi quello principale cui viene destinato nonostante le dimensioni ridotte,

Lo Schipperke però è un cane polivalente, sempre fedele ed educato in casa e adora giocare con i bambini, per questi motivi alcuni lo preferiscono come cane da compagnia, inoltre alcuni hanno riscoperto il suo vecchio impiego di cane da caccia, attività nella quale era impiegato quando i topi infestavano Bruxelles mentre oggi lo si può trovare impegnato per cacciare talpe e/o conigli.

13 marzo 2014
Lascia un commento