Lo Schillerstövare (o Schiller Hound) è un cane che viene dalla Svezia, riconosciuta e classificata dalla F.C.I. sin dal 1907 nel proprio Gruppo 6, segugi e cani per pista di sangue.

Selezione e aspettp dello Schillerstövare

L’ipotesi più accreditata rispetto le seu origini vuole che lo Schillerstövare sia nato da un mix di cani svizzeri incrociati con l’Harrier. Deve il nome a un contadino svedese, Per Schiller (1858-1892), che ha esposto la razza alla prima mostra canina svedese nel 1886.

Si tratta di un cane di media taglia, di aspetto molto ben proporzionato e nobile, per lo Schillerstövare lo standard prevede che sia un cane muscoloso che trasmettere l’impressione di velocità e di forza.

Il pelo è di lunghezza media, ruvido e ben aderente al corpo mentre su testa, orecchie, muso e sulla parte anteriore degli arti è corto il liscio. Sotto la coda e nella parte posteriore delle cosce il pelo può essere invece più lungo.

Carattere e impieghi dello Schillerstövare

Si tratta di una razza da sempre allevata per la caccia alla volpe e alla lepre, lo Schillerstövare è molto attivo e giocoso, adeguatamente educato fin da cucciolo è in grado di socializzare e non si mostra mai aggressivo, ha bisogno però di spazio e molto movimento, dunque non è adatto alla vita di appartamento.

Il suo incredibile senso dell’olfatto a volte può causare problemi, ad esempio i sacchetti della spazzatura potrebbero facilmente attirare la sua attenzione, dunque per non avere sorprese meglio non lasciarli alla sua portata.

Lo Schillerstovare può quindi essere un cane socievole e affettuoso e risulta essere un ottimo cane da compagnia se addestrato nel modo corretto, non bisogna però mai dimenticare la sua natura da cacciatore, per cui meglio tenerli al guinzaglio quando si è all’aperto.

29 marzo 2014
Lascia un commento