Il Rhodesian Ridgeback, o Chien de Rhodésie à crete dorsale, è una razza che ha doppia nazionalità: Sud Africa e Zimbabwe. La razza appartenente al Gruppo 6, ovvero segugi e cani per pista di sangue, della classificazione della F.C.I. (Federazione Cinofila Internazionale).

Origini e aspetto del Rhodesian Ridgeback

Il nome svela caratteristiche e nazionalità: Ridgeback, per la sua cresta sul dorso (ridge = cresta, back = schiena), e Rhodesian per il suo luogo d’origine, la Rhodesia, cioè l’odierno Zimbabwe.

Attualmente è l’unica razza riconosciuta originaria dell’Africa meridionale. Lo standard originale, che fu redatto da Francis R. Barnes nel 1922 si basava sullo standard del Dalmata e venne approvato dalla South African Kennel Union nel 1926.

È un cane di taglia media, dal corpo molto muscoloso, dal fisico armonico e atletico. I colori ammessi nello standard vanno dal grano chiaro al grano rosso e sono ammesse delle zone bianche sulle dita e sul petto.

Il pelo è corto e molto fitto, dall’aspetto lucido. Il tratto distintivo della razza è, come già detto, la cresta, che deve essere ben definita, affusolata e simmetrica e deve terminare con un profilo arrotondato da due corone semicircolari.

Le orecchie sono corte, aderenti alla testa, con la punta arrotondata. La coda è robusta alla radice e si affila in punta. L’altezza è di circa 60 cm nelle femmine e 65 cm nei maschi.

Carattere e impieghi del Rhodesian Ridgeback

Si tratta di un cane di grande personalità, molto indipendente e intelligente, a volte dotato di una certa dose di aggressività e per questo motivo è necessaria un’accurata socializzazione e un attento addestramento.

Fortemente legato alla famiglia, per nessun motivo deve vivere in solitudine, separato dai compagni umani con i quali stabilisce un legame profondo, fatto di lealtà, devozione e amore incondizionato. Il Rhodesian Ridgeback, si adatta bene a vivere in appartamento, ma ha comunque bisogno delle sue passeggiate quotidiane.

In passato veniva utilizzato essenzialmente per la caccia, in particolare per la caccia ai leoni (da qui deriva il suo secondo nome che è per l’appunto African Lion Hound).

Nel tempo ha dimostrato di essere un cane polivalente e quindi adatto a più impieghi, come accennato risulta essere un ottimo cane da compagnia ma è anche adatto all’agility, alla ricerca e sport cinofili per i quali si contraddistingue per la sua forza e tenacia, fra tutti però, l’impiego che esalta le sue qualità è quello di cane da guardia.

Salute e cura del Rhodesian Ridgeback

Cane mediamente longevo con un’aspettativa di vita dai 10 ai 12 anni, è una razza forte e resistente, capace di sopportare bruschi cambiamenti di temperatura. I disturbi più frequenti sono la displasia dell’anca e la comparsa di cisti. È importante sapere anche che la razza è portatrice di una malformazione congenita di carattere ereditario, la fistola dermoide.

Il Rhodesian Ridgeback ha bisogno di una razione alimentare di 500-700 g di cibo al giorno che deve essere completa ed equilibrata e variare nel peso a seconda delle singole esigenze e del metabolismo dell’animale.

9 febbraio 2014
I vostri commenti
Imma, sabato 13 giugno 2015 alle22:19 ha scritto: rispondi »

Salve volevo sapere se è guaribile la displasia

Lascia un commento