Il Podenco Canario è un cane dalle origini molto antiche, addirittura gli esperti lo collano agli anni intorno al 1000 A.C. che tramite i Fenici sarebbe giunto in Europa, precisamente nelle Isole Canarie, all’epoca luogo di attracco e di scambio merci fra i commercianti. Il riconoscimento è invece, tutto sommato, recente (1987), ed è stato classificato nel Gruppo 5 della F.C.I. (cani di tipo spitz e di tipo primitivo).

Aspetto del Podenco Canario

Si tratta di un cane di media taglia il cui aspetto indica un chiaro incrocio con i Levrieri giunti Europa sempre assieme ai Fenici.

Ha un corpo longilineo e slanciato con una muscolatura ben sviluppata. La sua testa è allungata e stretta, con tartufo largo, di color carne in armonia con i colori del manto. Gli occhi sono piccoli, a forma di mandorla e di colore ambra; le orecchie sono erette quando il cane è attento, mentre sono rivolte all’indietro se è a riposo.

Il pelo è raso lungo tutto il corpo, può essere di colore fulvo fino a rosso mogano e può presentare macchie bianche. In base al pelo si distinguono tre varietà di questa razza: liscio, duro e lungo.

Carattere e impieghi del Podenco Canario

Il Podenco Canario è da sempre utilizzato come cane da caccia, in particolare è specializzato per la caccia di conigli selvatici e lepri.

Sul lavoro risulta instancabile, sfrutta a pieno le proprie capacità olfattive e uditive che nel Podenco Canario sono molto ben sviluppate, al punto da poter percepire la preda anche a notevole distanza; è in grado di restare fuori a caccia per tutto il giorno.

Dal punto di vista caratteriale risulta essere una razza coraggiosa e dinamica; agitata ma mai aggressiva, facile da addestrare e può diventare un cane molto affezionato, tanto da risultare anche un piacevole cane da compagnia.

13 febbraio 2014
Lascia un commento