Il Pinscher Tedesco è una razza canina che ha, ovviamente, origine in Germania, ufficialmente riconosciuta dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 2, quello dei Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri).

Aspetto, salute e cura del Pinscher Tedesco

Il Pinscher Tedesco esiste in due varietà, distinte fra loro per la taglia: media, riconoscita nel 1879, e piccola, quella del Pinscher Nano (Zwergpinscher, noto anche come Pinscher Miniature), standard approvato nel 1900.

Si tratta di una razza di media taglia leggermente inferiore, con una struttura robusta e una massa muscolare ben distribuita. La forma della testa è leggermente allungata e terminante con un bel tartufo color nero; le orecchie sono generalmente piccole e portare sempre dritte; gli occhi sono ovali e di colore scuro.

La coda è attaccata alta e solitamente viene tagliata; il pelo è di uguale lunghezza lungo tutto il corpo, è luminoso, di colore rosso cervo (nelle varie tonalità) o nero focato. L’altezza al garrese va dai 25 ai 30 cm.

La salute del Pinscher Tedesco è generalmente molto buona, si tratta di una razza generalmente sana che può arrivare tranquillamente ai 12 anni di età senza troppi affanni.

Essendo di piccole dimensioni, non ha bisogno di grandi quantità di cibo. I pasti possono essere sia a base di mangimi che di piatti preparati in casa.

Il suo peso deve restare attorno ai 4-5 kg per la varietà Pinscher Miniature e attorno ai 15-20 kg per i Pinscher Tedesco, richiede quindi un esercizio fisico regolare. Soffre tremendamente il freddo e necessita pertanto di particolari attenzioni in inverno.

Carattere e impieghi del Pinscher Tedesco

Il Pinscher Tedesco può essere considerato il re dei Toy dog: è un razza attiva e molto elegante; dal punto di vista caratteriale è ostinato e prepotente, simile alle razze terrier.

È un ottimo compagno nonché bravo cane guardiano, completamente determinato e combattivo nei confronti di coloro che non reputa affidabili. È molto intelligente e ha una spiccata attitudine all’apprendimento.

5 marzo 2014
Lascia un commento