Il Perro de Agua Espagnol, in italiano Cane da Acqua Spagnolo, è una razza che viene, chiaramente, dalla Spagna. Riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 8, quello dei cani da riporto, cani da cerca, cani da acqua.

Storia del Perro de Agua Espanol

Nella Regione Andalusa, dove è particolarmente diffuso, è noto anche come Cane Turco, perché con molta provabilità gli antenati del Perro de Agua Espanol vengono dalla Turchia.

A confermare ulteriormente il nome dato dagli andalusi ci sono documenti che testimoniano la sua presenza in queste terre fin dal XIV secolo quando il proliferare degli scambi commerciali per mare con la Turchia favorirono la presenza di cani in grado di condurre le grandi mandrie oggetto degli scambi stessi.

Ma databili ancor prima sono state trovate tracce di un suo antenato in Spagna risalenti al X secolo le cui caratteristiche genetiche ne fanno provabile genitore di altri cani da caccia o da compagnia come, per esempio, il Cocker Spaniel o il Barboncino Nano.

In generale la sua presenza nella penisola iberica è comunque più che discreta.

Aspetto del Perro de Agua Espanol

Gli esemplari di questa razza sono di taglia media, il Perro de Agua Espanol ha un aspetto rustico ma elegante, di peso medio e con una buona muscolatura, spicca per capacità di comprensione, vista, udito e olfatto. È un cane che si mantiene in continuo esercizio praticamente da solo.

Lo standard per la colorazione del suo pelo riccio ammette tutte le colorazioni monocolori e bicolori, in particolare sono molto apprezzati bianco, nero e marrone in tutte le loro possibili sfumature.

Per quanto riguarda le colorazioni a 2 sono invece molto apprezzati: il bianco e nero o bianco e marrone, anche qui ammesse le sfumature degli stessi. Lo standard non ammette le combinazioni tricolori.

Caratteri e impieghi del Perro de Agua Espanol

Come detto l’impiego principale per questa razza è nelle attività legate a quelle da cane da pastore, sia conduzione che protezione delle greggi.

Il primordiale impiego che ne veniva fatto era però come cane da caccia, il Perro de Agua Espanol è particolarmente abile nel muoversi in terreni acquitrinosi grazie alle sue incredibili capacità nel nuoto, può arrivare infatti fino a 3 metri di profondità e resistere in apnea fino a 2 minuti.

Ai giorni nostri è molto apprezzato anche come cane da salvataggio, non manca la sua presenza, in occasione di frangenti drammatici, a fianco della Protezione Civile per la ricerca di persone scomparse.

Risulta essere un cane molto fedele e, non poteva che essere così, gran lavoratore e molto resistente, il Perro de Agua Espanol si adatta a qualsiasi situazione e circostanza e risulta essere particolarmente adatto anche come cane da compagnia e da guardia.

I cani appartenenti a questa razza non richiedono particolari cure se non un po’ attenzione iniziale sulla tosatura:

  • La prima volta vanno tosati quando hanno 3/4 mesi;
  • Successivamente l’operazione va ripetuta intorno ai 15/16 (un anno dopo);
  • E così via fino ad arrivare a una tosatura annuale in primavera.

28 febbraio 2014
I vostri commenti
lotti Giancarlo, giovedì 20 agosto 2015 alle17:41 ha scritto: rispondi »

Se il perro de agua spagnolo è 1 cane da pastore come può far parte del gruppo 8?a cui penso indibbiamente appartenga?

Lascia un commento