Il Cane da Pastore Scozzese a pelo Lungo, Rough Collie, è una razza che viene, ovviamente, dalla Scozia, riconosciuto e classificato dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 1, quello dei cani da pastore e bovari (escluso bovari svizzeri).

Origini e aspetto del Pastore Scozzese a pelo lungo

La razza ha origini antiche ma la classificazione sopra detta è stata ottenuta, ufficialmente, solo nel 1860. Il nome Collie deriva quasi certamente dal termine anglosassone Col, che significa nero. Con questo vocabolo venivano indicate le pecore scozzesi caratterizzate dal manto scuro e, di conseguenza, i cani predisposti alla loro conduzione.

Il Pastore Scozzese a pelo lungo è un cane di media taglia, con la testa piatta in mezzo alle orecchie, il muso è allungato verso il naso, che è sempre nero.

Le orecchie sono piccole e portate all’indietro quando il cane è a riposo, totalmente alzate se è in attenzione; gli occhi sono mediamente grandi e posizionati obliquamente, sono a forma di mandorla e castani di colorazione. La coda è di solito portata bassa e con la punta tendente verso l’alto, se il cane è in azione essa viene portata alta.

Il mantello è fitto; il pelo è più corto sul muso, sul cranio e sulla parte terminale delle orecchie. I colori ammessi dallo standard sono il fulvo in tutte le sfumature, fulvo-nero-bianco e blue merle.

Carattere e impieghi del Pastore Scozzese a pelo lungo

La razza divenne famosa in tutto il mondo grazie al film di Hollywood Torna a casa Lessie degli anni ’40, il cui protagonista era appunto un bellissimo esemplare di Rough Collie.

È un cane amichevole, tranquillo ed emotivo; protettivo nei confronti del padrone e dei bambini in generale. Come suggerisce il nome il suo impiego originario è quello di cane da pastore, il progressivo abbandono delle campagne ha fatto però sì che il Pastore Scozzese a pelo lungo venisse impiegato per lo svolgimento anche di altri compiti.

Se ben addestrato, infatti, è in grado di svolgere qualsiasi attività gli venga richiesta: dalla guardia, al salvataggio o anche come guida per le persone non vedenti e cane da compagnia.

6 marzo 2014
Lascia un commento