Il Cane da Pastore di Tatra viene dalla Polonia, ed è una razza riconosciuta e classidicata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 1, quello dei cani da pastore e bovari (escluso bovari svizzeri).

Origini e aspetto del Cane da Pastore di Tatra

Questa cana vanta le stesse origini degli altri grandi cane da pastore europei, quali: il Maremmano Abruzzese, il Kuvasz e il Cane Lupo Cecoslovacco, tutti animali giunti nel Vecchio Continente grazie ai Fenici e successivamente diffusi grazie agli antichi Romani che li portavano al seguito delle legioni.

Le differenze fra queste razze dipendono esclusivamente da fattori ambientali legati a alle diverse regione di origine.

Il Pastore di Tatra è un cane di taglia medio-grande, in possesso di un’ottima muscolatura e grande vivacità, tipico di questa razza è il manto, lungo sul corpo e corto su testa e muso, la cui unica colorazione ammessa dallo standard è il bianco.

La possente struttura e la rusticità che lo caratterizza ne fanno un animale molto resistente a qualsiasi condizione climatica.

Carattere e impieghi del Cane da Pastore di Tatra

Per selezione e capacità e classificazione, l’impiego principale per gli esemplari di questa razza è quello di cane da pastore, ma può essere tranquillamente impiegato anche come cane da guardia, attività che svolge in maniera egregia.

Nonostante la mole il Pastore di Tatra si adatta bene alla vita domestica e risulta cordiale anche con i bambini, tanto da risultare anche un buon cane da compagnia, fedele e premuroso.

12 marzo 2014
Lascia un commento