Il Pastore Belga Laekenois viene, come suggerisce il nome, dal Belgio ed è una razza riconosciuta e assegnata dalla F.C.I. al proprio Gruppo 1, quello dei cani da pastore e bovari (escluso bovari svizzeri).

Selezione e aspetto del Pastore Belga Laekenois

Secondo alcuni esperti l’attuale razza sarebbe stata ricostruita, dopo l’estinzione, con un incrocio fra il Bovaro delle Fiandre e lo Schnauzer gigante.

Prende il nome dal castello di Laeken, vicino Bruxelles, dove il Pastore Belga era utilizzato come cane da guardia delle greggi. In origine esistevano ben cinque varietà di questa razza; ora sono quattro: Groenendael, Malinois, Tervueren e il Lakenois per l’appunto, grosso modo presentano tutti le stesse caratteristiche.

Si tratta di un cane di media taglia con il muso leggermente allungato verso la punta del naso e terminante con il tartufo nero. Le orecchie sono triangolari, dritte e attaccate alte; gli occhi hanno la forma leggermente a mandorla e sono di colore scuro. Possiede un’andatura vivace e sciolta, muscolatura sviluppata con la coda di lunghezza media e dritta.

Il pelo è di colore fulvo tendente al rosso e può presentare ciuffi di pelo bianchi sul petto e alla punta delle dita.

Carattere e impieghi del Pastore Belga Laekenois

Il Laekenois è un cane forte, scattante e veloce; si presta facilmente all’educazione in quanto dotato di grandi doti di apprendimento. È pronto all’azione e si mostra adatto ai compiti più vari, può essere impiegato infatti, oltre che da cane da pastore, come:

Si affeziona facilmente al padrone e alla famiglia; è affettuoso e affidabile.

5 marzo 2014
Lascia un commento