Mastino Tibetano (Tibetan Mastiff)

Il Mastino Tibetano (Tibetan MastiffDo-khyiDogue du Tibet) è il discendente diretto dell’antico Molosso Tibetano, la razza viene, ovviamente, dal Tibet in Cina. È attualmente classificato dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 2, quello dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri.
Il Mastino Tibetano è celebre per le sue dimensioni mastodontiche, enfatizzate dal vistoso manto: esemplare maschio può arrivare a pesare fino a 73 kg e a misurare in altezza 76 cm al garrese.
Vediamo nel dettaglio le caratteristiche definite dallo standard, il temperamento e il prezzo di un cucciolo di Mastino Tibetano:

Storia e aspetto del Mastino Tibetano

Gli Inglesi furono i primi a importare in Europa questa razza, che essi trovarono in India ai tempi del loro insediamento in quelle terre, sempre in Inghilterra c’è traccia di allevamenti per questa razza che, nel tempo, ha perso molto in popolarità e duffusione.

Il Mastino Tibetano ha orgini veramente remote, tanto che tracce della sua esistenza sono riscontrabili nelle descrizioni fornite da Aristotele prima e Marco Polo successivamente.

Entrambi lo descrivono com un cane dall’aspetto imponente in possesso di un carattere forte, selvaggio e pericoloso.

Delle vecchie caratteristiche raccontate, al giorno d’oggi, il Mastino Tibetano ha mantenuto la potenza e la maestosità nell’aspetto e risulta essere in possesso di un umore più tranquillo e stabile.

Non è pertanto considerato più l’animale pericoloso del passato, bensì è elogiato per la sua calma e per la facilità con la quale si può convivere con lui.

Si tratta di una razza di grande taglia con la testa larga, pesante e forte con tartufo largo e ben pigmentato. Le orecchie sono di media grandezza, triangolari, pendenti e portate in avanti quando è attento. La pelle delle orecchie è ricoperta da un pelo soffice e corto.

Gli occhi sono ovali e leggermente obliqui di tutti le gradazioni del marrone. La coda si arrotola di lato sul dorso ed è ricoperta di lunghi e folti peli. Il pelo, di colore nero o fulvo, è fine ma duro, dritto e non eretto.

Carattere, impiego e prezzo del Mastino Tibetano

In generale il cane è impegnativo e non adatto a tutte le persone, dal punto di vista caratteriale bisgona distinguere fra gli esemplari presenti in Tibet (dove è comunque in via di estinzione) e quelli che provengono dall’Inghilterra.

I primi risultano essere molto più simili alle descrizione fornite da Aristotele e Marco Polo, tendono quindi a essere mordaci, aggressivi e feroci, e per nulla adatti a essere addestrati, mentre quelli inglesi sono, di contro, obbedienti e affezionati al proprio padrone.

L’impiego che più si addice a questa razza è quello di cane da guardia, meglio se tenuto in spazi aperti, data la sua mole non è adatto alla vita domestica e, tenuto in casa, può creare parecchi problemi.

Prezzo del Mastino Tibetano

Una curiosità è legata al prezzo sul mercato che lo rende il uno dei cani più costosi al mondo, lo si può acquistare, in Europa, su cifre che si aggirano attorno ai 1.500 – 2.000 euro, tale costo si spiega con l’attuale scarsa diffusione e con gli alti costi che gli addestratori sostengono per allevarlo.

5 marzo 2014
I vostri commenti
Egidio, giovedì 17 dicembre 2015 alle8:53 ha scritto: rispondi »

Ottimo cane da guardia

Lascia un commento