Il Mastino dei Pirenei (Mastìn del Perineo in spagnolo o Matin des Pyrénées in francese) è una razza la cui nazione di assegnazione è la Spagna, riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 2, quello dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoide e cani bovari svizzeri.

Origini e aspetto del Mastino dei Pirenei

Si tratta di un cane che provenie, quindi, dal versante spagnolo della catena montuosa che dalla quale dipende il nome che porta. Come tutti i molossi ha i propri antenati nei cani asiatici giunti nell’Europa Sud Occidentale secoli fa.

Nonostante radici così antiche, il suo riconoscimento e la sua classificazione ufficiale si sono avute solo nel 1946, come razza è quindi piuttosto recente.

Il Mastino dei Pirenei è un cane di grande taglia, ben proporzionato e dotato di possanza supportata da un’ottima muscolatura, non risulta mai essere ne pesante ne flaccido. Ha un’imponente testa, collo forte e pelle lassa a formare una discreta giogaia.

Il pelo è fitto, di lunghezza media, per il cui colore lo standard prevede che sia prevalentemente bianco con macchie di colore uniforme (preferibilmente grigie, giallo-oro, nero, sabbia), variamente distribuite sul corpo, sempre presenti sulla testa a formare la tipica maschera del muso che deve sempre essere ben evidente.

La massima espressione della propria potenza la raggiunge in età adulta, ma perché possa dimostrare tutta la propria vigoria è necessario che sia istruito molto bene durante la fase della crescita.

Salute e cura del Mastino dei Pirenei

Il Mastino dei Pirenei, che vive in media 10 – 12 anni, non è quindi fra le razze più longeve al mondo. Tipacamente è un cane rustico che non ha bisogno di eccessive cure.

Il momento più impegnativo è senza dubbio il primo anno di vita, periodo in cui necessita di particolari attenzioni. È naturalmente soggetto alle classiche problematiche di questo tipo di cani, quali la displasia dell’anca, la torsione dello stomaco e l’entropio.

Carattere e impieghi del Mastino dei Pirenei

Anticamente, gli esemplari di questa razza erano impiegati, principalmente, come cani da pastore per guidare le greggi e difenderle dagli attacchi dei lupi.

Attualmente, il Mastino dei Pirenei risulta essere uno straordinario cane da guardia, infatti soddisfa alla perfezione l’incarico di guardiano delle proprietà rurali e delle persone poiché è molto facile da addestrare.

Non è un cane aggressivo ma se decide di attaccare può e sa essere molto pericoloso, durante l’allevamento è uno degli aspetti principali da curare. Si relaziona bene con i bambini anche se può creare loro problemi data la sua stazza, se si decide di impiegarlo come cane da compagnia è bene quindi essere molto più che cauti e prestare sempre attenzione.

6 febbraio 2014
Lascia un commento