Il Laika della Siberia Occidentale, è una razza canina che viene dalla Russia, più esattamente è originaria delle regioni a nord degli Urali. Riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 5, quello dei cani di tipo spitz e tipo primitivo.

Selezione e aspetto del Laika della Siberia Occidentale

È il risultato dell’incrocio tra diverse varietà di Laika del Chanteisker e del Mansijsker e di altri cani degli Urali e della Siberia Occidentale. La razza fu riconosciuta in Russia intorno al 1930 e si diffuse, successivamente, in tutta la Russia centrale.

Si tratta di un cane di taglia media, di costituzione robusta e con una muscolatura molto ben sviluppata. Ha la testa a forma di triangolo; gli occhi sono scuri di forma ovale e leggermente obliqui. Le orecchie sono attaccate alte, dritte e appuntite all’estremità; la coda è portata arrotolata sul dorso.

Il pelo, corto sulla testa, sulle orecchie e nella parte anteriore delle zampe, può essere, per lo standard, di colore nero, grigio, bianco, sale e pepe. Il pelo ha inoltre un ruolo fondamentale nella resistenza di questo cane alle basse temperature.

Carattere e impieghi del Laika della Siberia Occidentale

Gli esemplari di di questa razza amano vivere negli spazi aperti, è socievole e affettuoso con l’uomo; il Laika della Siberia Occidentale è un cane energico e curioso. Tende ad abbaiare, durante le battute di caccia, solo quando trova la selvaggina, affinché i cacciatori lo raggiungano al più presto. Ha doti spiccate come cane da caccia in quanto è in possesso di udito, olfatto e vista molto ben sviluppati.

Nella terra natia è esclusivamente da cacciatori di grandi animali quali cinghiali, renne ed orsi, ma anche per battute di piccoli animali come fagiani, lepri ed anatre.

In generale è un cane molto resistente che non necessita di cure particolari.

13 marzo 2014
Lascia un commento