Il Japanese Chin è una razza di cane assegnata, come nazione, al Giappone ma più di uno studioso non è concorde. Dalla F.C.I. è classificato come cane da compagnia, appartiente quindi al Gruppo 9 della classificazione.

Le origini del Japanese Chin

Alcuni sostengono che venga dalla Cina perché nato da incroci fra lo Spaniel Tibetano e altri piccoli cani cinese come il Pechinese, altri invece sostengono sia di origini Coreane ma questa tesi è più difficilmente argomentabile.

Aspetto e carattere del Japanese Chin

È un cane di piccola taglia ma robustissimo, caratterizzato da un abbondate pelo, sono cani famosi per un particolare movimento, la cosiddetta danza delle maree (evoluzioni e rapidi giri su se stessi).

La colorazione ammessa per il suo pelo è il bianco con macchie nere o rosse.

Il Japanese Chin è un cane particolarmente intelligente, docile e affezionato al padrone e alla sua famiglia, adatto ai bambini con i quali non ha alcun tipo di problema.

Impieghi del Japanese Chin

A differenza di tanti altri cani che, al di là della classificazione, possono adattarsi ad altri ruoli, il Japanese Chin è un cane che può essere impiegato, esclusivamente per la compagnia, non si segnalano altre attività nelle quali mostra significativi risultati.

8 marzo 2014
Lascia un commento