Il Moscow Watchdog, Guardiano Moscovita in italiano e Moscovskaya Storozhevaya Sobaka nella lingua della sua nazione di origine, la Russia, è una razza canina riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 2, quello dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri.

Storia e selezione del Guardiano Moscovita

Notizie sulla nascita di questo magnifico cane ci portano alla campagna napoleonica in Russia, pare infatti che al seguito delle truppe francesi ci fossero dei San Bernardo che vennero poi incrociati con il Pastore del Caucaso.

Il risultato è che il Moscow Watchdog è un cane molto simile nell’aspetto a quello svizzero e con un carattere più docile rispetto al Pastore del Caucaso.

Una notevole differenza con il San Bernardo sta nel fatto che il Guardiano Moscovita secerne molta meno bava.

Il cane ha fatto fatica ad affermarsi fuori dai confini russi ma, recentemente, si sta invece diffondendo in maniera rapida sia in Europa che negli Stati Uniti, dove oggi si contano una trentina di esemplari, non male considerando che il primo è nato solo nel Giugno 2015.

Aspetto del Guardiano Moscovita

Data la selezione, non poteva che essere un cane di grande taglia, con un peso che varia fra i 45 e i 68 Kg e un’altezza al garrese che può andare dai 64 ai 69 cm.

Tale stazza è supportata da una struttura muscolo-scheletrica di livello assoluto, dove risultano particolarmente sviluppate le gambe.

Il mantello è ricoperto di un pelo spesso, di media lunghezza, per la cui colorazione lo standard ammette la combinazione di bianco e rosso è infine in possesso di una coda particolarmente gonfia la cui lunghezza può arrivare a toccare il pavimento.

In generale deve trasmettere fermezza e fiducia.

Carattere e impieghi del Guardiano Moscovita

Come suggerisce il nome, l’impiego principale per il Moscow Watchdog è quello di cane da guardia, attività che da sempre è associata a questa razza, durante la Seconda Guerra Mondiale era impiegato per attività di controllo del territorio e nei gulag siberiani per sorvegliare gli internati.

Successivamente è stato integrato al Ministero della Difesa e ai corpi di polizia ma, non di meno, e grazie a un temperamento mansueto il Guardiano Moscovita risulta essere un ottimo cane da compagnia, anche in grado di giocare con i bambini, prestando sempre la massima attenzione, richiede comunque, durante l’addestramento, un tipo di allevamento metodico che deve essere condotto da una persona di polso.

Salute e cura del Guardiano Moscovita

Come molte altri molossi, anche questa non sfugge a un triste regola: il Moscow Watchdog è infatti soggetto alla displasia dell’anca.

Ha bisogno di ampi spazi e di fare molto esercizio fisico perché possa stare bene.

Il Guardiano Moscovita è, date le origini, in grado di vivere in ambienti particolarmente ostili e sopportare anche le temperature più rigide.

23 settembre 2016
Lascia un commento