Il Dalmata è una razza dalle origini antiche e non ben conosciute che viene dalla ex-Jugoslavia, riconosciuto e classficato dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 6, quello dei segugi e cani per pista di sangue.

Selezione e aspetto del Dalmata

Per alcuni esperti del settore, il Dalmata avrebbe lo stesso progenitore dell’Alano Arlecchino, per altri discende da incroci tra il Bracco del Bengala, razza ormai estinta, con Terrier e Pointer Inglese, dal quale avrebbe ereditato il pelo maculato.

Ha avuto una grande popolarità in seguito al successo prima del cartoon di Walt Disney e poi del film La carica dei 101.

È un cane di taglia media, muscoloso e di bella presenza. Ha nel pelo la sua caratteristica principale: corto, liscio, lucido e maculato; il mantello è bianco alla base, con macchie nere o color fegato.

Secondo lo standard ufficiale della razza, le macchie devono essere ben definite e distribuite in modo uniforme su tutto il corpo. Il tartufo deve essere nero per chi presenta le macchie nere, e marrone per il cane con le macchie color fegato. Le orecchie sono fine e portate contro la testa; gli occhi tondi e di colore uguale alla maculazione del mantello; la coda è portata curvatura verso l’alto, ma non deve essere arrotolata.

Carattere e impieghi del Dalmata

Il Dalmata è un cane affettuoso, allegro e molto paziente con i bambini. Si affeziona a tutta la famiglia ma stabilisce un rapporto di devozione assoluta con la persona che ritiene il padrone.

Nonostante la classificazione che lo indica adatto come cane da caccia, il Dalmata risulta essere molto richiesto soprattutto come cane da compagnia ma deve comunque essere ben addestrato per evitare che prevalga il lato del suo carattere indipendente e solitario.

È un cane attivo, energico, che ha bisogno di molto esercizio fisico. È anche molto possessivo e lunatico come il Siberian Husky.

Cura e salute del Dalmata

L’alimentazione deve essere completa e sana: è possibile dargli da mangiare sia pasti fatti in casa, sia cibi confezionati quali crocchette o scatolame, purché siano di buona qualità.

Uno dei maggiori problemi di salute del Dalmata è la sordità congenita. Sono inoltre geneticamente predisposti alla formazione di calcoli renali a causa del loro alto tasso di acido urico. Vive mediamente 10-12 anni.

5 marzo 2014
Lascia un commento