Il Ciobanesc Romanesc de Bucovina, anche conosciuto come Dulau o Capau (che significa cane pastore), è una razza canina autoctona proveniente dalla Romania, per l’appunto, più esattamente dalla regione della Bucovina dalla quale la razza prende il nome.

La razza ha ottenuto il riconoscimento ufficiale dal Romanian Kennel Club che ha redatto il primo standard della razza nel 1982 e aggiornato nel 2001, mentre l’FCI ha solo provvisoriamente approvato questa razza, a differenza delle altre razze da pastore rumeno che sono giù ufficialmente riconosciute, classificandola nel proprio Gruppo 2 dei Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri.

Selezione e aspetto del Ciobanesc Romanesc de Bucovina

Classificato come tipo molossoide, è un cane di taglia grande, dall’aspetto imponente e orgoglioso. Ha un’altezza al garrese compresa tra i 68 e 78 cm mentre il peso dovrebbe essere proporzionato all’altezza. La testa e la parte anteriore degli arti sono ricoperte di pelo corto, mentre su tutto il resto del corpo il pelo è lungo, denso e ruvido al tatto.

Unici colori ammessi sono il bianco o un bianco-beige con macchie di grigio o nero, da rifiutare quelle tigrate. I soggetti monocolore sono accettati ma non troppo graditi.

La razza presenta un’evidente dimorfismo sessuale oltre ad una serie di patologie comuni ad altre razze quali la displasia dell’anca e del gomito e la torsione dello stomaco. Ha un’aspettativa di vita media di 11 – 12 anni.

Carattere e impieghi del Ciobanesc Romanesc de Bucovina

Si tratta di una razza selezionata sia come cane da pastore per proteggere i greggi di pecore e mandrie di bestiame che come cane da guardia per proteggere la proprietà e la sua famiglia.

Il Ciobanesc Romanesc de Bucovina è un cane molto coraggioso, equilibrato e calmo, adora i bambini ma è diffidente verso gli estranei, può essere quindi impiegato anche come cane da compagnia ma bisogna che, data la mole e l’indole, venga molto ben addestrato da una persona di polso che sappia istruirlo a dovere.

11 luglio 2014
Lascia un commento