Il Cane della Serra Estrela è una razza di origini molto antiche che proviene dal Portogallo, esattamente, come suggerisce il nome, dalle montagne della Serra Estrela. La razza è riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 2, quello dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri.

Origini e aspetto del Cane della Serra Estrela

Aver vissuto da sempre in un luogo così isolato e impervio ha preservato la razza da infiltrazioni estranee ma, dall’altro lato, non ne ha facilitato la diffusione.

Il progenitore del Cane della Serra Estrela è, probabilmente, lo stesso dal quale sono derivati il Cane da Montagna dei Pirenei e il Mastino Spagnolo.

La selezione, piuttosto leggera, cui è stato sottoposto ha portato alla generazione di due varietà che differiscono sostanzialmente solo per lunghezza e tessitura del pelo.

È un cane di taglia media che, morfologicamente, è perfetto e con un’armonia nell’aspetto che non ha eguali fra le altre razze, il tutto confermato da giusti rapporti fra testa, tronco e arti. Si tratta di una razza pura al 100% per quanto sopra detto.

I colori ammessi per il manto, per ambo le varietà della razza, sono il marrone, il grigio lupo e il fulvo, che possono essere tutti uniformi o macchiati.

Carattere e impieghi del Cane della Serra Estrela

L’impiego principale del Cane della Serra Estrela è quello di cane da pastore, compito nel quale è in grado di condurre che difendere le mandrie che pascolano la catena montuosa lusitana.

Assolve il proprio compito in maniera molto particolare: prima di attaccare un eventuale intruso lo avvisa, dopo di che sferra un attacco che, solitamente, non lascia scampo, per il resto è silenzioso, vigile e attento.

Nel tempo si è mostrato adatto anche alla difesa della proprietà, non manca quindi il suo impiego come cane da guardia in fattorie o proprietà in genere.

Si tratta di un cane facile da addestrare poiché, oltre che molto intelligente, è dotato di memoria eccezionale e, nell’insieme, è docile.

15 marzo 2014
Lascia un commento