Il Cane della Cabilia è un cane che viene dall’Algeria, le cui origini sono al momento ignote e per questo non è riconosciuta né classificata, al momento, da alcuna organizzazione o federazione cinofila.

Aspetto del Cane della Cabilia

Nonostante la non classificazione questa razza è ritenuta, comunque, importante sia dal punto di vista evolutivo che da quello genetico: il Cane della Cabilia, rimasto sempre operativo nella circoscritta nella regione montuosa dell’Algeria meridionale,è riuscito a fissare, spontaneamente, alcuni caratteri comuni fra i vari esemplari.

Si tratta di un cane di taglia è media con una testa allungata e un cranio leggermente stretto, gli occhi sono a mandorla e leggermente obliqui.

Pur in assenza di un’accurata selezione, il corpo è di buone proporzioni, supportato da una struttura muscolare di buon livello, la coda, portata bassa, è molto simile a quella di una volpe.

Il mantello del Cane della Cabilia è solitamente bianco con macchie marrone-castano, con tendenza al fulvo. Il pelo è ruvido e duro, di media lunghezza.

Carattere e impieghi del Cane della Cabilia

Si tratta di un cane molto vivace e socievole, infaticabile sul lavoro grazie a una grande resistenza fisica. Brilla per coraggio, il Cane della Cabilia è in grado di affrontare leoni, leopardi e altri grandi animali.

Di buon temperamento, è in grado di condurre e controllare le greggi senza alcun tipo di problema, molto resistente alle temperature sia basse che alte.

3 maggio 2014
Lascia un commento