Il Cane da Pastore Greco viene, come suggerisce il nome, dalla Grecia. Si tratta, al momento, di una razza non riconosciuta da alcuna federazione.

Origini e aspetto del Cane da Pastore Greco

La diffusione di questo cane è limitata a Grecia, Albania e Macedonia. Morfologicamente parlando il Cane da Pastore Greco assomiglia molto al Pastore Maremmano Abruzzese, ma ha una taglia leggermente inferiore.

Le origini sono invece le stesse del Kuvasz, cane ungherese. Di questa razza esiste anche una varietà chiamata Spartana, la quale si diversifica solo per alcuni aspetti come la testa più lunga e meno allungata.

Gli esemplari di questa razza sono cane di media taglia, in possesso di una testa piuttosto grande ma proporzionata rispetto al corpo. Il Cane da Pastore Greco presenta un muso robusto e affilato con un tartufo di colore nero e buona pigmentazione.

Gli occhi sono di media grandezza, rotondi e scuri e le orecchie piccole e triangolari, tenute in posizione eretta e molto mobili. Arti ben in appiombo, con metacarpi e metatarsi corti. In possesso di una lunga coda pendente che non deve essere mai tagliata.

Pur non esistendo uno standard si può dire che il pelo folto e lungo che ricopre il corpo è solitamente interamente bianco e può, alle volte, presentare delle macchie fulve. I maschi hanno un’altezza al garrese che varia fra i 60 e i 65 cm, le femmine dai 56 ai 61 cm.

Carattere e impieghi del Cane da Pastore Greco

L’impiego principale è come cane da pastore ma il Pastore Greco risulta anche ottimo per la guardia, infatti pur essendo calmo è sempre molto attento a ciò che gli succede intorno.

È anche un buon cane da compagnia, a patto che venga accudito e addestrato per la vita in casa.

3 maggio 2014
Lascia un commento